Manovra, Robin Tax ad aziende tlc "inaccettabile"-Bessada (Wind)

giovedì 25 agosto 2011 15:52
 

RIMINI, 25 agosto (Reuters) - L'ipotesi di estendere la Robin Tax anche al settore delle telecomunicazioni è totalmente inaccettabile in particolare visto che siamo alla vigilia di un'asta sulle frequenze dalla quale lo Stato incassera alcuni miliardi. La tassa potrebbe inoltre penalizzare gli investimenti.

Lo ha detto l'amministratore delegato di Wind Telecomunicazioni, Ossama Bessada, a margine del Meeting dell'amicizia di Rimini.

"E' assolutamente inaccettabile", ha risposto Bessada ai cronisti che gli chiedevano un giudizio sulla Robin Tax.

Il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha oggi smentito che il governo stia pensando una estensione della tassa energetica anche ai concessionari autostradali e delle telecomunicazioni, ma della ipotesi si continua a parlare.

L'Ad di Wind ha aggiunto che, "come azienda, noi abbiamo in corso un'asta per le frequenze sulle quali investire un miliardo di euro all'anno in infrastrutture e rete e penso che è totalmente inaccettabile una tassa del genere, ingiustificabile da ogni punto di vista, in particolare per chi sta per partecipare all'asta. Attendiamo l'asta per fine mese e loro incasseranno alcuni miliardi dalle aziende delle telecomunicazioni".

Alla domanda se la tassa potrebbe portare ad una riduzione degli investimenti Bessada ha risposto: "Noi potremmo pensare anche a questo".

(Paolo Biondi)