Btp chiudono in lieve calo seduta distesa, spread a 286 pb

lunedì 22 agosto 2011 17:55
 

MILANO, 22 agosto (Reuters) - Il mercato obbligazionario
italiano chiude in leggero calo, dopo un pomeriggio molto
tranquillo con le banche centrali non sono state viste comprare,
ma comunque presenti a chiedere prezzi.
 "E' stata una seduta molto tranquilla, con pochi scambi"
dice un dealer. "Le banche centrali non si sono viste comprare
carta italiana, o se l'hanno fatto, solo per quantitativi
davvero risibili". 
 "Sono state comunque presenti, per chiedere prezzi o
controllare le posizioni, e probabilmente ciò è bastato a tenere
tranquille le quotazioni" dice un dealer. 
 Oggi la Bce ha comunicato l'ammontare di titoli acquistati
sul mercato obbligazionario la scorsa settimana, pari a 14,3
miliardi, in linea con le attese, dopo i 22 miliardi, della
settimana precedente, la prima da quando ha riavviato il
programma di acquisto.
 Il rendimento del Btp decennale nel corso del pomeriggio è
salito appena sopra il livello del 5%, considerato chiave dai
dealer, fino a 5,01% attorno alle 16, per poi tornare verso
4,98% in chiusura da 4,94% della chiusura di venerdì. 
 In chiusura lo spread fra Btp e Bund decennali
IT10DE10YT=TWEB tratta in area 286 punti base dai 285 della
chiusura di venerdì, dopo un minimo di seduta a 281 pb, mentre
il rendimento del Btp decennale è a 4,97% da 4,94% della
chiusura di venerdì, secondo TradeWeb
 La minor presenza delle banche centrali, che solitamente
acquistano titoli nella parte centrale della curva, consente ad
alcuni dealer di aggiustare posizioni, puntando su titoli
rimasti molto a buon prezzo. E' il caso del comparto dei
trentennali, che hanno recuperato oltre due figure oggi, dopo
che erano rimasti esclusi dalle ondate di acquisti.
 Domani sera il Tesoro italiano annuncerà dopo la chiusura
dei mercati sia i titoli brevissimi, sia le tipologie di quelli
a lunga.
 Per i primi, in agenda c'è l'offerta di Bot semestrali con
in scadenza 9.000 miliardi e attese per un sostanziale rinnovo,
e quella di Ctz attesi per circa 2 miliardi. 
 Per il comparto medio-lungo, sono in agenda Btp a 3 e 10
anni e CCteu. In questo caso le attese sono per la riapertura di
Btp luglio 2014 e del CCTeu aprile 2018, mentre per il decennale
è atteso il nuovo decennale, il Btp marzo 2022, preannunciato
dal Tesoro nel programma per il terzo trimestre. Punto di
domanda per l'annuncio del Btp legato all'inflazione, in un
momento in cui, con il drastico calo del prezzo del petrolio, il
comparto è decisamente sottotono.
 Qualcuno ipotizza anche l'offerta di titolo off-the-run, tra
quelli che sono stati più acquistati dalle banche centrali,
proconcando quindi una contrazione del flottante.
 
--------------------------- 17,30 ---------------------------
FUTURES BUND SETTEMBRE FGBLU1    135,25   (-0,05)
FUTURES BTP  SETTEMBRE FBTPU1    107,48   (-0,26)
BTP 2 ANNI (GIU 13) IT2YT=RR*     97,74   (-0,024)  3,345%
BTP 10 ANNI (SET 21) IT10YT=TT    98,70   (-0,42)   4,976%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    89,94   (+2,29)   5,795%
 
* Da schermi Reuters in assenza di scambi Mts
====================  SPREAD (PB) ==========================
                                          ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5         0                -1
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       270               269
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       286               284
livelli minimi/massimi            279,7-286,0       280,9-293,9
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      287               285
livelli minimo/massimo            281,3-287,0       282,9-293,6
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       288               293
SPREAD BTP 10/30                       81,9              ---
=============================================================