Zona euro, Austria chiede collaterale legato a aiuti banche

venerdì 19 agosto 2011 13:24
 

VIENNA, 19 agosto (Reuters) - L'Austria propone di legare le richieste di collaterali da parte dei Paesi della zona euro sui prestiti alla Grecia alla quantità di protezione che il settore finanziario di ciascun Paese si assicurerà nel parallelo pacchetto di salvataggio delle banche per Atene.

Il ministro delle Finanze austriaco Maria Fekter ha detto che la sua speranza è che la proposta, inviata agli altri membri della zona euro, allenti le tensioni in merito al tentativo solitario della Finlandia di assicurare tramite collaterali la sua quota di prestiti alla Grecia.

Secondo il piano di Fekter, l'Austria, le cui banche e assicurazioni hanno un 'esposizione limitata alla Grecia, riceveranno collaterali, a differenza di altri Paesi più esposti al debito greco, come la Francia e la Germania.

"In base a quanto negoziato dalla Finlandia, ciascuno di noi dovrebbe pagare di più per dare a loro il collaterale" ha detto Fekter nella tarda serata di ieri ai giornalisti, ribadendo come questo fosse "inaccettabile" per l'Austria, che richiede pari trattamento.

"So che se ciascuno di noi richiede un collaterale allora (il pacchetto di salvataggio per la Grecia) non potrà essere finanziato. Per questo motivo ho proposto di combinare il coinvolgimento del settore privato - ovvero la protezione del settore privato - con la protezione tramite collaterale" ha detto Fekter.

I creditori del settore privato della Grecia lo scorso mese si sono accordati per subire un 21% di perdite sui bond da loro detenuti come parte di un contributo di 37 miliardi di euro al salvataggio delle Grecia.

Banche e assicuratori che hanno sottoscritto l'accordo potranno ottenere uno swap del debito greco con titoli sicuri sostenuti dal fondo europeo di salvataggio. In questo modo sono state limitate le loro perdite potenziali, fornendo un grosso sollievo ai Paesi più esposti come Francia e Germania.

"Spero che gli altri Paesi accettino la proposta dell'Austria" ha detto Fekter.

Alla domanda sulle conseguenze di un tale accordo per l'Austria, Fekter ha risposto: "Abbiamo una bassa quota di coinvolgimento del settore privato, e quindi noi avremmo il collaterale, in base a questo modello".

Secondo Fekter, che ha riferito di aver avuto un colloquio con la sua omologa svedese Jutta Urpilainen mercoledì, la Finlandia si è accordata con la Grecia per un collaterale in contanti pari al 20% del suo prestito.

Questo significa, effettivamente, che altri Paesi della zona euro stanno finanziando il collaterale della Finlandia, ha detto Fekter.