Bce ha chiesto interventi su pensioni, liberalizzazioni-Tremonti

giovedì 11 agosto 2011 11:52
 

ROMA, 11 agosto (Reuters) - La Bce e l'Europa hanno chiesto all'Italia, per anticipare il pareggio di bilancio al 2013, liberalizzazioni, privatizzazioni, interventi sulla previdenza e maggiore flessibilità sul mercato del lavoro.

Lo ha detto il ministro dell'Economia,, Giulio Tremonti, illustrando in Parlamento a grandi linee i contenuti della lettera "confidenziale" inviata dalla Bce al governo italiano.

In particolare all'Italia è stata richiesta una "piena" liberalizzazione dei servizi pubblici locali, una liberalizzazione dei servizi professionali, e privatizzazioni su larga scala dei servizi locali. Sul fronte del marcato del lavoro una spinta verso la contrattazione aziendale unita a una richiesta "critica" di licenziamenti del personale.

Sul fronte previdenziale la Banca centrale ha chiesto interventi sulle "pensioni di anzianità e sull'età per le donne nel privato e di tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici". Su questo ultimo punto il ministro ha spiegato che "non è detto che questa misura della essere oggetto" delle scelte del governo.

Tremonti ha aggiunto che la manovra dovrà essere "molto forte sul 2012 e 2013 ma il baricentro è da fissare, i numeri sono in corso di elaborazione".

Gli orientamenti del governo si concentrano sulla liberalizzazione dei servizi pubblici locali, privatizzazioni, flessibilità del mercato del lavoro e Welfare.

Il governo è anche disponibile ad armonizzare al 20% l'aliquota sulle rendite finanziarie ad esclusione di quella del 12,5% sui titoli di Stato.

Apertura anche sulla richiesta delle parti sociali di norme più incisive sulla tracciabilità dei pagamenti per combattere l'evasione fiscale.

Il ministro ha poi confermato che questo pomeriggio ci sarà un incontro con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per illustrargli le ipotesi di intervento.