Crisi non si aggraverà, spread non deve preoccupare-Berlusconi

giovedì 4 agosto 2011 14:55
 

ROMA, 4 agosto (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi prevede che la crisi del debito sovrano della zona euro non si aggraverà e sdrammatizza gli effetti sui conti pubblici del netto incremento registrato nello spread Btp-Bund.

"Non credo che la crisi si aggraverà", ha risposto Berlusconi alla domanda cosa farà l'esecutivo nel caso in cui la pressioni sui mercati continuino ad aumentare.

"Non dobbiamo essere spaventati da spread attuali perchè sarebbero riferiti a particelle di debito pubblico dal momento che il globale rimane agli interessi a cui è stato piazzato in anni passati. L'aumento afferirebbe a frazioni e porterebbe ad un aumento dei nostri costi molto relativo".