Grecia, banche vedono lettera dettagli swap a metà agosto- fonti

martedì 2 agosto 2011 17:28
 

ATENE, 2 agosto (Reuters) - La Grecia spera che i contatti in corso con le banche per la ristrutturazione dei titoli del Tesoro in mano ai privati proceDano abbastanza in fretta perché Atene sia in grado di presentare a metà agosto un'offerta dettagliata che illustri l'impatto contabile dello swap sul bilancio degli istituti di credito.

Lo riferiscono fonti bancarie elleniche, precisando che l'obiettivo sarebbe di concludere l'offerta di scambio in settembre.

Il contributo dei creditori privati al secondo piano di salvataggio greco potrebbe arrivare a un massimo di 50 miliardi di euro, da sommarsi ai nuovi 109 miliardi concordati il mese scorso a livello di zona euro.

Sui dettagli dell'operazione di swap sono in corso complesse trattative con il settore bancario, che deve conoscere i dettagli dell'offerta di scambio e il suo impatto sui bilanci. Obiettivo di Atene è un'adesione dei privati al nuovo schema nell'ordine di grandezza del 90%.

"Intorno a metà agosto prevediamo di ricevere dal governo un 'memorandum of understanding' che definirà i termini e le procedure in base a cui si dovranno calcolare l'impatto finanziario e le perdite di ciascuno. Il documento comprenderà anche una tabella di marcia" dice una fonte bancaria.

Alcuni creditori privati hanno preso in considerazione di 'boicottare' l'offerta di scambio, in particolare nel caso che i grandi obbligazionisti e le compagnie di assicurazione più esposte aderissero in massa all'offerta aumentando le chance che i piccoli investitori vengano pienamente rimborsati a scadenza.

Le banche elleniche sono il principale investitore sul totale di circa 300 miliardi di titoli del Tesoro in circolazione, con un portafoglio intorno ai 40 miliardi.

"Avremo tra 10 e 15 giorni per valutare l'offerta e inviare la nostra risposta di eventuale adesione, per quanta parte del nostro portafoglio e secondo quale delle quattro opzioni sul tavolo" aggiunge la fonte.