July 29, 2011 / 1:47 PM / 6 years ago

PUNTO 1-Seat verso conversione bond, partono trattative formali

3 IN. DI LETTURA

(aggiunge contesto, seconda fonte)

MILANO, 29 luglio (Reuters) - C'è un'intesa di massima tra Seat Pagine Gialle PGIT.MI e i fondi che detengono il bond Lighthouse per la conversione, almeno parziale, delle obbligazioni in azioni, mentre partono le trattative formali per la ristrutturazione del debito della società.

Lo dice una fonte vicina alla vicenda, aggiungendo che un'intesa è prevista per il mese di ottobre.

"Un cda Seat di questa settimana ha riconosciuto gli adviser dei detentori di bond, dando il via libera formale alle negoziazioni", dice una prima fonte vicina alla vicenda.

"E' successo quello che capita regolarmente in operazioni di questo tipo", dice una seconda. "L'azienda si è impegnata a sostenere i costi degli adviser della controparte, se si dovesse arrivare a un accordo".

"Da questo momento iniziano le trattative ufficiali, fino ad ora ci sono state solo chiacchiere informali", aggiunge.

Verso Conversione Bond

"C'è un accordo informale sul fatto che si praticherà la conversione del bond in azioni", dice la prima fonte. "Bisogna decidere quanto e a che valore e cosa fare di ciò che non verrà convertito".

Secondo una seconda fonte, "è chiaro che nell'attuale situazione la logica dice che la conversione in azioni, almeno parziale, sia una delle strade più probabili, però parlare di accordo mi sembra prematuro".

"Il clima è positivo ed è confermato dal fatto che si attende una soluzione condivisa entro ottobre", dice la prima fonte. La seconda precisa che ottobre "è una scadenza realistica per definire i termini generali di un accordo".

Il bond, emesso dal veicolo lussemburghese Lighthouse per conto di Seat, ha un ammontare di 1,3 miliardi di euro e scadenza 2014. I fondi detentori del bond (Monarch, Marathon, Sothic, Anchorage, Alden, Howl Creek) hanno formato un comitato per trattare la ristrutturazione del debito.

Dopo la notizia, il titolo segna un recupero e passa in positivo. Torna però a perdere terreno negli scambi successivi.

L'operazione risulterebbe in ogni caso fortemente diluitiva per gli azionisti. I principali soci sono i fondi di private equity Cvc, Investitori Associati e Permira.

Alle 15,40 italiane il titolo cala del 2,4% a 0,0575 euro, con scambi per oltre 5 milioni di pezzi.

Nei giorni scorsi alcune fonti hanno spiegato che, oltre alla conversione, gli adviser stanno studiando l'ipotesi di riscadenziamento o un investimento da parte dei soci.

La società capitalizza in borsa poco più di 100 milioni di euro. Per quanto riguarda la conversione del bond si immagina un valore superiore al suo valore di mercato a circa 35-40.

I bondholder sono assistiti dallo studio legale Latham & Watkins, dalla banca di investimento Lazard e da Alvarez & Marsal, specialisti di ristrutturazione del debito.

La società ha come adviser gli studi legali Linklaters e Giliberti, Pappalettera e Triscornia e Rothschild.

Stefano Rebaudo

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below