Btp in calo, spread a 314 pb, salgono rendimenti in asta Btpei

mercoledì 27 luglio 2011 12:57
 

 MILANO, 27 luglio (Reuters) - Nuova seduta in ribasso per il
debito perifierico e italiano, con lo spread Btp/Bund che - dopo
l'assaggio di ieri - ha rotto nuovamente i 300 punti base,
toccando un picco a 314, ai livelli del 19 luglio, prima cioè
che si concretizzasse a Bruxelles il nuovo piano di aiuti alla
Grecia.
 In attesa delle aste e medio-lungo termine di domani (fino a
8,5 miliardi di euro tra Btp e Ccteu) il Tesoro ha collocato
stamane 942 milioni di Btp decennali indicizzati all'inflazione,
nella parte alta del range d'offerta annunciato di 500
milioni/un miliardo di euro.
 Il rendimento d'asta si è collocato al 4,07%, in rialzo dal
2,51% della precedente riapertura del titolo, a fine maggio. Il
bid-to-cover si attestato a 1,691 da 1,506.
 Una nota degli strategist di Unicredit definisce la domanda
"buona", in linea con quella delle aste di Bot e Ctz di ieri, "a
conferma di una domanda solida per la carta italiana", anche se
si sottolinea che l'aumento del bid-to-cover rispetto all'asta
di maggio dipende sostanzialmente dal minore importo offerto.
 "Il bond è stato ben richiesto anche dopo l'asta, un altro
segnale positivo per la domanda" proseguono gli strategist di
Unicredit.
 A fine mattinata lo spread di rendimento tra Btp e Bund
decennali, su piattaforma Tradeweb IT10YT=TWEB DE10YT=TWEB,
quota in area 309-310 punti (contro i 290 della chiusura di
ieri), leggermente sotto il picco di giornata.
 "Le dichiarazioni del ministro tedesco non aiutano certo la
periferia in questo momento, anche se poi si tenta di smorzare"
commenta un trader da Milano. "Siamo a livelli peggiori di prima
dell'accordo sulla Grecia, il messaggio è chiaramente di
fragilità politica dell'Europa".
 Il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha
dichiarato stamane che Berlino è contraria a dare carta bianca
all'Efsf, il fondo salva-stati europeo, per l'acquisto di bond
sul mercato secondario [ID:nLDE76Q0H5].
 Sullo sfondo della debolezza del debito periferico e della
forza dei Bund restano sia le incertezze legate al piano
pro-Grecia, sia lo stallo negli Usa nella trattativa per
l'innalzamento del tetto di legge per il debito pubblico che -
all'interno del segmento 'core' - sta favorendo il
ribilanciamento dalla carta americana verso quella tedesca.
 "Mancanza di dettagli e rischi legati alla realizzazione
pratica (del piano Grecia), così come il dibattito sul debito
Usa che si avvicina alla sua scadenza, dovrebbero mantenere oggi
il mercato tendenzialmente in una situazione di avversione al
rischio" spiega lo strategist di Commmerzbank Benjamin
Schroeder.
 
============================ 12,40 =========================
FUTURES BUND SETTEMBRE FGBLU1    128,92   (+0,58)
FUTURES BTP  SETTEMBRE FBTPU1    100,98   (-0,91)
BTP 2 ANNI (GIU 13) IT2YT=RR*     96,14   (+0,10)   4,241%
BTP 10 ANNI (SET 21) IT10YT=TT    93,08   (-0,76)   5,739%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    84,81   (-0,74)   6,217%
 
* Da schermi Reuters in assenza scambi su Mts
====================  SPREAD (PB) ==========================
                                          ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        28                30
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       295               278
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       307               288
- livelli minimi/massimi           299,3-311,8       274,6-299,0
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      309               290 
- livelli minimo/massimo           304,2-313,5       277,0-300,4
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       281               267
BTP 2/10 ANNI                          --               163,9
BTP 10/30 ANNI                         47,8              52,2
 =============================================================