Btp in calo, sprad su Bund torna a 270 pb su dubbi piano Grecia

lunedì 25 luglio 2011 12:51
 

 MILANO, 25 luglio (Reuters) - Apertura di settimana con
segno negativo per i Btp che tornano ad essere appesantiti -
insieme a tutto il debito periferico - dai dubbi del mercato sul
nuovo pacchetto di aiuti alla Grecia, in particolare sulla sua
capacità di scongiurare un contagio su ampia scala della crisi
finanziaria.
 "Gli spread in Italia a Spagna hanno ripreso a salire
venerdì pomeriggio e continuano oggi, suggerendo che i mercati
non sono convinti che il recente piano faccia da argine al
contagio" spiega l'analista di Markit Gavin Nolan.
 Spread dunque in risalita per il debito periferico, complice
anche un Bund sostenuto, che beneficia di riflesso dello stallo
in Usa sull'innalzamento del tetto del debito, che mette a sua
volta sotto pressione i Treasuries.
 "Qualche accordo verrà probabilmente fatto ma il problema
reale è che nel lungo termine gli Usa dovranno mettere i conti
in ordine e il deficit sotto controllo altrimenti potrebbero
subire un downgrade" commenta lo strategist di Rabobank Lyn
Graham-Taylor.
 A fine mattinata lo spread di rendimento tra Btp e Bund
decennali, su piattaforma Tradeweb IT10YT=TWEB DE10YT=TWEB
naviga in area 269-270 punti base contro i 260 della chiusura di
venerdì, quando lo spread aveva stretto fino a un minimo di 225
pb.
 "La liquidità non è delle più alte. Comunque la curva
italiana si sta appiattendo, è normale in queste condizioni di
incertezza" spiega il trader di una banca milanese. "D'altra
parte ci sono parecchi dubbi sui questo piano, il mercato in
qualche modo ci si deve abituare e il downgrade della Grecia di
Moody's, per quanto legittimo, non ha aiutato".
 L'agenzia di rating Moody's ha declassato stamattina il
rating della Grecia di tre 'notch', a Ca da Caa1, solo di un
livello superiore a quello di default [ID:nLDE76O0LS].
 "Alla fine credo che il rating greco arriverà al livello di
default, la questione fondamentale sarà capire se scatterranno i
cds" commenta ancora il trader.
 Ad appesantire il debito italiano è anche il calendario
piuttosto fitto di aste: secondo le stime fino a 16,5 miliardi
di euro tra breve e lungo in questa settimana.
 Si parte domani con 7,5 miliardi di euro di Bot semestrali e
1,5 miliardi di Ctz, per proseguire mercoledì con  - massimo -
un miliardo di indicizzati decennali.
 Per quel che riguarda i collocamenti a lungo termine di
giovedì, il Tesoro comunicherà oggi a mercati chiusi i range
d'offerta. In una nota Intesa Sanpaolo stima un importo fino a 4
miliardi di euro per il nuovo Btp triennale luglio 2014, fino a
3 miliardi per la riapertura del settembre 2021 e fino a 1,5
miliardi complessivi per i due CCTeu, il 2018 e l'off-the-run
2015.

============================== 12,40 =======================

FUTURES BUND SETTEMBRE FGBLU1    127,79   (+0,10)
FUTURES BTP  SETTEMBRE FBTPU1    102,87   (-0,68)
BTP 2 ANNI (GIU 13) IT2YT=RR*     96,69   (-0,01)   3,901%
BTP 10 ANNI (SET 21) IT10YT=TT    94,94   (-0,54)   5,479%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=RR*   87,02   (-1,09)   6,030%
 
* Da schermi Reuters in assenza scambi su Mts
====================  SPREAD (PB) ==========================
                                          ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        20                18
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       247               231
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       268               259
- livelli minimi/massimi           264,7-270,7       223,1-267,5
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      270               260
 - livelli minimo/massimo       266,7-271,8       225,2-268,5
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       247               239
BTP 2/10 ANNI                          --               179,3
BTP 10/30 ANNI                         --                53,6
 =============================================================