Zona euro, crisi debito si riflette su asset Francia

martedì 19 luglio 2011 14:25
 

LONDRA, 19 luglio (Reuters) - Anche la Francia sembra lambita dal contagio della crisi finanziaria, almeno a guardare la performance di azioni e bond del paese nell'ultimo mese.

La borsa francese cede il 7% dall'inizio di luglio, una flessione molto più vicina all'8-9% dei paesi dell'area euro più indebitati piuttosto che al -2% della Germania.

E lo spread tra decennali francesi e tedeschi è salito fino a 74 punti base.

Secondo molti analisti la discesa delle quotazioni è destinata a proseguire a causa dell'esposizione francese all'Italia, mentre Parigi dovrà pagare anche una buona fetta del conti dei nuovi aiuti alla Grecia e forse - in prospetitva - anche a Irlanda e Portogallo.

La Francia "viene trascinata nel contagio" afferma lo strategist di Smith & Williamson Philip Lawlor. "Il problema è che il mercato non vuole vedere Francia e Germania impegnarsi ad enormi trasferimenti fiscali. Dato che l'economia francese non sta facendo fantasticamente bene, mi chiedo se le agenzie di rating non si rivolgeranno alla Francia dicendo: non siamo sicure che la tripla-A sia così robusta, mettendo il rating sotto osservazione".

Il rapporto debito/pil francese dovrebbe raggiungere l'86% l'anno prossimo, mentre secondo alcune previsioni del Fmi il deficit strutturale del paese si attesterà quest'anno al 4% del pil.

Lo sread Francia-Germania ha toccato giovedì scorso il livello massimo dal 1995, risalendo a livelli precedenti l'introduzione dell'euro.

"La performance francese ha destato molta curiosità" spiega lo strategist di West LB Michael Leister. "Si può sostenere che la situazione non sia così preoccupante come i recenti sviluppi in Italia e Spagna, ma ormai è chiaro nella testa degli investitori che non si può più parlare di crisi della periferia, ma di una vera e propria crisi dell'intera zona euro".

L'esposizione del sistema bancario francese all'Italia, secondo i dati della Bri dello scorso dicembre, ammonta a 380 miliardi di euro, cui si somma l'esposizione verso Grecia e Portogallo.

Il Cac40 francese .FCHI è arretrato in luglio del 7,3%, con vendite che hanno colpito in particolare il comparto bancario: -14,8% da inizio mese, ad esempio, per Bnp Paribas (BNPP.PA: Quotazione), contro l'8,2% di flessione, nello stesso periodo di tempo, per l'indice bancario europeo .

"In questo momento la preoccupazione è sulle banche francesi, non in verità sull'outlook del paese" afferma Sebastien Barthelemi, analista di Louis Capital Markets. "L'Italia è finita sotto attacco la settimana scorsa e Bnp Paribas, che ha una forte esposizione verso l'Italia, ha finito per soffrire di conseguinza, la correlazione è piuttosto chiara".