July 18, 2011 / 2:23 PM / 6 years ago

Italia vista usare vari strumenti per alleggerire aste titoli

5 IN. DI LETTURA

* Tesoro può emettere più titoli off-the-run, bond sindacati

* Terrà aste contenute durante l'estate turbolenta

* Utilizzo private placement

di Valentina Za

MILAN0, 18 luglio (Reuters) - Il Tesoro italiano potrebbe emettere un maggior numero di titoli off-the-run e bond via sindacato per soddisfare le sue necessità di funding e assicurare la regolare emissione dei titoli a lungo termine nel corso dell'attuale crisi, dicono analisti e trader.

L'Italia ha pagato il 4,93% per collocare titoli a 5 anni la scorsa settimana, il livello più alto in tre anni, poiché le preoccupazioni per il contagio dalla crisi del debito della zona euro hanno indotto gli investitori a chiedere maggior premio per sottoscrivere debito italiano.

Anche il rendimento dei titoli a 15 anni in asta è salito a livelli recond.

Il differenziale di rendimento tra titoli decennali Btp e bund è salito oltre i 300 pb, mentre i mercati restano in grande allerta su qualsiasi segnale di difficoltà dell'Italia nel rifinanziare il suo debito da 1.600 miliardi di euro. Fino al 7 luglio lo spread era attorno ai 220 pb.

La Banca d'Italia ha avvertito la scorsa settimana che un punto percentuale di incremento sul costo del debito aggiunge tre miliardi di euro al pagamento degli interessi al primo anno.

Alla fine dello scorso anno, il costo degli interessi è ammontato al 4,6% del Pil italiano.

L'Italia, che ha un debito del 120% rispetto al Pil, seconda solo alla Grecia, deve emettere titoli a lunga per circa 82 miliardi entro la fine del'anno.

Secondo gli analisti il Tesoro ha poco spazio per muoversi rispetto al calendario e agli standard di emissioni senza mandare un segnale sbagliato ai mercati, ma potrebbe variare il modo in cui rifinanziare il debito, in questi tempi turbolenti.

"E' ragionevole aspettarsi alcuni aggiustamenti in relazione all'attuale situazione del mercato" dice Luca Cazzulani, strategist di UniCredit a Milano.

Il Tesoro non ha voluto commentare.

Giovedi scorso l'Italia ha collocato in asta titoli per un ammontare a ridosso del range massimo di offerta di 5 miliardi di euro, nella sua prima seduta d'asta a medio-lungo termine da quando sono iniziate le pressioni speculative.

Aste Contenute

Una dimensione relativamente modesta delle aste potrebbe aiutare a superare i collocamenti senza intoppi, ma l'Italia dovrà diversificare i suoi strumenti di finanziamento se vuole continuare in questo senso.

"E' difficile pensare che la dimensione delle aste italiane possa rimanere a 3-5 miliardi di euro fino alla fine dell'anno", dice Cazzulani. "Se è così, il Tesoro non sarebbe in grado di coprire le esigenze di finanziamento, che stimo a 85 miliardi di euro per il resto del 2011, avendo ancora 11 aste a lungo termine sul suo calendario".

Un'alternativa alle aste potrebbero essere il collocamento di bond via sindacato i quali, anche se costosi in termini di commissioni da pagare alle banche, permetterebbero al Tesoro di organizzare un collocamento in tempi brevi, approfittando di momenti di calma in un mercato estremamente volatile.

"Credo che il Tesoro cercherà di cogliere le opportunità sul mercato con emissioni di bond via sindacato, qualcosa che, se fatto correttamente, permetterà loro di indirizzare la domanda degli investitori per i titoli italiani" dice uno strategist del reddito fisso a Londra.

Un'altra strategia utilizzata spesso dal Tesoro è quella di riaprire vecchi titoli non più in corso regolare di emissione per soddisfare la specifica richiesta di investitori, il che alleggerisce tra l'altro il peso delle aste su nuovo debito.

"Il Tesoro non ha molto spazio di manovra, ma mi aspetto che qualcosa faccia - come del resto ha già fatto in passato - ad esempio spostando parte dell'ammontare da emettere sui titoli off-the-run che sono più facili da digerire per il mercato", ha detto un dealer.

Un secondo strategist ha anche notato che altri emittenti sovrani in Europa hanno usato anche i private placement.

Alla fine di giugno l'Italia ha collocato privatamente un CTZ 2027 per 2,3 miliardi di euro, ma una fonte del Tesoro ha detto che un'emissione una tantum, volta a rifinanziare un gruppo di vecchi prestiti che il Tesoro aveva con un dealer.

L'Italia, che tiene normalmente due sedute d'asta per titoli a lungo termine ogni mese, in passato ha spesso cancellato l'asta di metà agosto e quella di metà dicembre, se aveva già raggiunto l'obiettivo per l'anno.

"Mi aspetto che tengano le dimensioni delle aste contenute durante il periodo estivo, come hanno fatto in passato, per poi rivalutare la situazione in settembre" ha detto il trader londinese.

Il mese scorso il Tesoro ha detto che nel terzo trimestre offrirà nuovi Btp a tre, cinque e dieci anni, a un nuovo Ctz zero-coupon [nLDE75M1LE].

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below