Manovra, più gettito da cambio tassazione concessionari-Benetton

mercoledì 13 luglio 2011 13:27
 

(precisa in ultimo paragrafo che la riformulazione riguarda gli accantonamenti e non gli ammortamenti)

ROMA, 13 luglio (Reuters) - La riscrittura della manovra nella parte che prevede la cancellazione della norma sugli ammortamenti con un aggravio fiscale per i concessionari di beni pubblici, Autostrade (ATL.MI: Quotazione) e Sias (SIS.MI: Quotazione) in primis, darà un apporto maggiore in termini di entrate per lo stato.

Lo ha detto Gilberto Benetton, patron dell'omonimo gruppo di famiglia che controlla Autostrade per l'Italia, parlando a margine dell'assemblea dell'Associazione bancaria italiana (Abi).

"Con le modifiche le entrate per lo Stato saranno maggiori", ha risposto Benetton a chi gli chiedeva che cosa cambiava con la riscrittura della manovra.

Sugli effetti che il provvedimento avrà per il bilancio di Autrostrade l'imprenditore ha detto: "Non sono in grado di valutare appieno gli effetti perché non conosco bene il provvedimento".

Ieri Reuters ha scritto che il governo ha cambiato la manovra nella parte in cui riduceva la quota di ammortamento sugli investimenti fatti dai concessionari sui beni. La riformulazione prevede invece una riduzione dal 5 all'1% degli accantonamenti sui versamenti al fondo manutenzione e ripristino fatti dai concessionari.

(Stefano Bernabei e Alberto Sisto)