Btp proseguono risalita, spread a 275, acquisti da fondi esteri

mercoledì 13 luglio 2011 13:08
 

 MILANO, 13 luglio (Reuters) - Mattinata positiva per i Btp.
Lo spread sulla Germania scende in area 275 punti base e prezzi
dei titoli, dopo i tonfi dei giorni scorsi, sostenuti dagli
acquisti di fondi esteri.
 "Ci sono flussi di acquisto da parte di fondi esteri, si
sono accorti che non siamo come l'Irlanda e la Grecia" osserva
un dealer da Milano.
"Il mercato resta fragile ma si è diffusa la consapevolezza
che i sell off di lunedì e venerdì sono in buona parte legati a
fattori esterni" sottolinea il dealer di uno dei maggiori
istituti di credito italiani.
 A sostenere la carta italiana un insieme di segnali
interpretati positivamente dai mercati, che già nel pomeriggio
di ieri si erano orientati a un minor pessimismo. Nè preoccupano
le aste di Btp in programma domani.
 "Sono giorni d'incertezza in cui ci si attacca un po' a
tutto, ma sono arrivati dei segnali di distensione" sottolinea
un secondo dealer.
 I mercati hanno apprezzato l'accelerazione dei tempi di
approvazione, attesa venerdì, della manovra correttiva dei conti
pubblici, accolta con una nota positiva dallo stesso Fondo
monetario internazionale.
 "Sicuramente la classe politica ha dimostrato una maggiore
consapevolezza" dice il secondo dealer. "Restare passivi in
attesa degli eventi è un atteggiamento che non paga".
 Il downgrade dell'Irlanda da parte di Moody's, che nella
notte ha declassato il debito del paese a 'junk', ha avuto
effetti limitati sulla carta italiana.
 "Il downgrade dell'Irlanda avvrebbe potuto affossare il
recupero in atto da ieri pomeriggio, invece c'è stata qualche
tensione solo nelle primissime battute e adesso sta recuperando
tutta la curva" spiega il dealer milanese.
 Del resto, è stata la stessa Moody's a gettare acqua sul
fuoco sulla situazione dell'Italia. In un'intervista pubblicata
oggi dal quotidiano Il Messaggero, Alexander Kockerbeck,
responsabile rating per l'Italia dell'agenzia, ha sottolineato
come i fondamentali italiani siano buoni e i passi da compiere
in termini di risanamento dei conti meno onerosi rispetto ad
altri paesi.
Aiuta anche il giudizio di Pimco, il più importante bond fund
manager del mondo, che, in un'intervista, ha spiegato di voler
approfittare del recente pesante selloff sui Btp per aumentarne
la quota in portafoglio riducendo così il sottopeso su questi
titoli.
 
 SPREAD SCENDE A 275 PUNTI BASE, RENDIMENTO SOTTO IL 5,5%
 A fine mattinata il differenziale di rendimento tra
decennale italiano e Bund tedesco IT10DE10=TWEB si attesta a
275 punti base, in restringimento di 15 dalla chiusura di ieri e
di quasi 80 lunghezze rispetto ai 353 punti base toccati nella
mattinata di ieri, nuovo valore record dall'introduzione
dell'euro. Ma ben 85 punti base in più rispetto ai 190 di inizio
mese.
 Il vice direttore di Via Nazionale Ignazio Visco nel corso
di un'audizione al Senato ha spiegato stamane che "uno
spostamento verso l'alto della curva dei rendimenti di 100 punti
base comporta un incremento della spesa per interessi pari a
circa 0,2 punti percentuali di Pil nel primo anno, e a 0,4 e 0,5
punti rispettivamente nel secondo e nel terzo anno". Attualmente
circa 100 pb in più costerebbero quindi nel primo anno alle
casse pubbliche circa 3 miliardi di euro aggiuntivi di spesa per
interessi.
 
 CURVA NON SCONTA ATTESA ASTE DOMANI
 Non si riscontrano pressioni sui titoli che verranno messi
all'asta domani, quando il Tesoro offrirà tra i 3 e 5 miliardi
di Btp. In asta saranno i Btp a 5 e 15 anni front-line e due Btp
off-the-run.
 "Oggi sta recuperando tutta la curva e non ci sono pressioni
sui titoli in asta domani" osserva Luca Cazzulani, strategist di
Unicredit.
 Secondo Cazzulani, lo scoglio dell'asta sarà superato senza
patemi. "E' un'asta di dimensioni limitate, che non creerà
problemi anzi probabilmente contribuirà a rafforzare
l'impostazione positiva".
 Del resto, conclude lo strategist,  "l'asta Bot di ieri è
stato il segnale che l'emissione del debito non rappresenta un
problema per l'Italia".
 
===========================12,50==========================
                                PREZZI   VAR.  RENDIMENTO
FUTURES BUND SETTEMBRE FGBLU1    128,55   (-0,27)
FUTURES BTP  SETTEMBRE FBTPU1    102,56   (+0,76)
BTP 2 ANNI (GIU 13)  IT2YT=RR*    96,65   (+0,67)   3,908%
BTP 10 ANNI (SET 21) IT10YT=TT    95,28   (+0,98)   5,431%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=RR *  87,53   (+1,33)   5,999%
 * Titolo non trattato su Mts. Le quotazioni si riferiscono a
pagine Reuters 
============================ SPREAD (PB) =====================
                                          ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        23                27
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       262               288
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       275               290
- livelli minimi/massimi           268,5-281,4       282,7-357,3
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      275               290  
 - livelli minimo/massimo       270,6-283,2       286,8-353,5
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       261               271
BTP 2/10 ANNI                         ----              135,6
BTP 10/30 ANNI                        ----               54,0
 =============================================================