Manovra, definire subito altre misure pareggio bilancio - Draghi

mercoledì 13 luglio 2011 11:20
 

ROMA, 13 luglio (Reuters) - Le tensioni degli ultimi giorni su titoli di Stato e azioni italiane sono legate all'incertezza sulle prospettive di finanza pubblica e occorre quindi che ai mercati si dica subito quali sono le altre misure che servono, assieme al decreto manovra, per correggere i conti con l'obiettivo di pareggiare il bilancio nel 2014.

Lo ha detto il governatore di Bankitalia Mario Draghi parlando all'assemblea dell'Abi.

Draghi avverte che c'è il rischio che senza ulteriori azioni di taglio di spesa, usare la delega fiscale e assistenziale per la correzione dei conti può portare a distorcere l'impianto della correzione e a un aumento delle imposte per completare la manovra.

"Avendo anticipato le usuali scadenze, occorre definire in tempi rapidissimi il contenuto delle misure ulteriori volte a conseguire il pareggio di bilancio nel 2014. A questo soprattutto guardano oggi i mercati", ha detto Draghi.

"L'Italia deve anche accompagnare la correzione di bilancio con misure per alzare il potenziale di crescita", ha detto Draghi.

Il Pil nel secondo trimestre sarebbe cresciuto a un tasso in linea con la media Ue, ha detto Draghi "dopo sei mesi di variazioni appena positive".

Ma nel medio termine "il ritmo di crescita dell'economia italiana continuerebbe a collocarsi su livelli inferiori a quelli dei nostri principali partner europei".

Il Bollettino Economico della Banca d'Italia, che sarà diffuso venerdì prossimo, presenterà le valutazioni dettagliate di Bankitalia per il biennio 2011-2012.

(Stefano Bernabei)