Consob avvia consultazione su collocamento obbligazioni bancarie

mercoledì 13 luglio 2011 11:51
 

MILANO, 13 luglio (Reuters) - Regole più snelle per il collocamento delle obbligazioni bancarie più semplici, talvolta definite "da banco". È l'obiettivo della Consob che ha sottoposto alla consultazione degli attori del mercato un documento su prospetto informativo e regole di condotta nell'attività di raccolta bancaria attraverso l'emissione e la distribuzione di obbligazioni agli investitori retail.

Punto centrale del documento è la definizione di 'obbligazione bancaria semplice', alla quale poter collegare "un'applicazione proporzionata e non ridondante delle disposizioni, assicurando così l'effettiva conspavolezza dell'investitore", si legge in una sintesi del documento.

Vengono infatti individuati, in sede di redazione e approvazione del prospetto informativo di tali obbligazioni, "criteri volti a favorire la comprensibilità della documentazione di offerta, con la conseguente possibilità di una maggiore standardizzazione e semplificazione delle informazioni da fornire e di un'abbreviazione dei tempi delle istruttorie della Consob".

In particolare, è chiarito come non siano richieste informazioni sugli scenari probabilistici di rendimento, il cui inserimento è raccomandato soltanto in presenza di prodotti a particolare complessità.

Secondo la definizione della Consob l'obbligazione bancaria semplice deve: essere emessa in euro, senza clausole di subordinazione, da banche Ue sottoposte a forme di vigilanza prudenziale; essere caratterizzata da elementi di facile comprensibilità, garantita dal rimborso del capitale a scadenza, dall'assenza di qualsiasi collegamento con strumenti finanziari derivati e da una struttura cedolare riconducibile al tasso fisso (anche nella forma zero coupon) o a forme di indicizzazione elementare ai tassi di interesse di riferimento (ad esempio l'Euribor); godere di elevata liquidità/liquidabilità, in grado di consentire al cliente un pronto smobilizzo a condizioni di prezzo significative; avere durata anagrafica limitata, non superiore comunque ai 5 anni.

Con riferimento alla disciplina dei serizi di investimento, prosegue la Consob, il connotato di semplicità dell'obbligazione consente anche una "graduata" e quindi più agevole valutazione dell'adeguatezza e appropriatezza al profilo del cliente, che deve essere svolta da chi propone il titolo.