Grecia, default selettivo non più escluso - minFin Olanda

martedì 12 luglio 2011 09:55
 

BRUXELLES, 12 luglio (Reuters) - Un default selettivo del debito greco non è più escluso come possibilità, ha detto il ministro delle Finanze olandese Jan Kees de Jager.

"Siamo riusciti a sciogliere il nodo, un nodo molto difficile, di una dichiarazione contradditoria che da una parte dice di volere un ingente impegno del settore privato e dall'altra si vuole evitare un default selettivo", de Jager ha detto ai giornalisti in vista dell'incontro oggi dei ministri delle Finanze europei.

"Ovviamente questa era una contraddizione. Quindi abbiamo sciolto questo nodo e adesso possiamo fare il lavoro nelle prossime settimane. Il gruppo di lavoro dell'Eurogruppo si può preparare. Ha un mandato più ampio, varie opzioni", ha detto.

A chi gli chiedeva se questo potrebbe includere la possibilità di un default selettivo per il debito greco, il ministro ha risposto: "Non è più escluso. Ovviamente la Bce ha detto nella sua dichiarazione di confermare la sua posizione, ma i 17 ministri non l'hanno più escluso quindi abbiamo più opzioni, un ambito maggiore con cui lavorare".

I tentativi di trovare un modo per condividere il costo del carico debitorio greco con investitori privati finora non hanno avuto successo perché i piani di rollover o di estensione del debito probabilmente spingerebbero le agenzie di rating a mettere la Grecia in default selettivo, ipotesi a cui la Bce si oppone.