July 11, 2011 / 4:03 PM / 6 years ago

SINTESI - Mercati, nuovo attacco a Borsa e titoli Stato Italia

5 IN. DI LETTURA

* Piazza Affari cede fino oltre 4%, venduti bancari, Cir -7%

* Premio rendimento Btp/Bund dieci anni supera 300 pb

* Vertici Ue ed Eurogruppo, nessun commento Tremonti

MILANO, 11 luglio (Reuters) - Non accenna ad attenuarsi la pressione dei mercati finanziari nei confronti dell'Italia, che la speculazione sembra aver individuato come prossima potenziale vittima della crisi della zona euro.

Dopo aver lasciato sul terreno 3,5% nella seduta di venerdì, l'indice delle blue chip di Piazza Affari .FTMIB brucia in chiusura un altro 4%, con vendite ancora tendenzialmente concentrate sul comparto bancario.

Lasciano così sul campo 7,7% Intesa Sanpaolo (ISP.MI) e 6,3% UniCredit (CRDI.MI) ma i realizzi non risparmiano neppure Cir (CIRX.MI), in caduta di 7% dopo la partenza in gran spolvero a seguito della sentenza della Corte d'Appello milanese che ha dato ragione alla holding nella causa civile contro Fininvest sul Lodo Mondadori.

Passando al secondario, davvero impressionante l'oscillazione dello 'spread', il premio di rendimento richiesto dagli investitori per tenere in portafoglio titoli del Tesoro italiani in luogo della carta tedesca a rischio zero.

Rispetto ai 245 punti base di venerdì sera la forchetta di tassi tra il Btp decennale - arrivato a rendere 5,7%, massimo da oltre dieci anni - si porta fino a oltre 300 tick con una punta a 306 secondo i dati TradeWeb IT10DE10=TWEB.

Per la forbice Italia/Germania si tratta dell'ennesimo record dalla nascita dell'Unione monetaria ma soprattutto di un allargamento superiore al mezzo punto percentuale nell'arco di una singola seduta.

"L'Italia è sotto attacco della speculazione ed è la risposta alla manovra", osserva a caldo un operatore di borsa.

"Se prima il coinvolgimento dell'Italia nella crisi finanziaria era una paura, ora è praticamente una certezza" è il commento di un trader del secondario.

Mentre a Roma parte l'esame della manovra in Senato, è in corso a Bruxelles la riunione dei ministri delle Finanze della zona euro, incontro informale e in quanto tale privo di agenda, chiamato comunque a dibattere del nuovo pacchetto di aiuti alla Grecia sullo sfondo del nuovo 'caso' Italia.

L'Eurogruppo, al cui ingresso Giulio Tremonti ha mantenuto il tradizionale riserbo nei confronti della stampa senza rilasciare alcuna dichiarazione, è stato preceduto questa mattina da un vertice straordinario sulla crisi convocato dal Consiglio europeo.

Appena rientrato dall'Ecofin di domani, Tremonti incontrerà una delegazione della maggioranza per fare il punto su eventuali modifiche da introdurre al decreto durante l'esame in commissione Bilancio.

Il tentativo di placare la nuova ondata speculativa spetta oggi curiosamente alla Germania.

Improntata a cautela, una prima apertura di fiducia arriva da Angela Merkel. Il cancelliere annuncia di aver sentito ieri Silvio Berlusconi per telefono e chiede all'Italia di mandare un 'segnale forte' approvando la manovra, dicendosi comunque fiduciosa che questo avverrà.

Sulla carta tranquillizzanti anche i commenti del responsabile alle Finanze Wolfgang Schaeuble secondo cui l'Italia, come diceva giovedì scorso anche il presidente Bce, è 'sulla buona strada'.

"Penso proprio di no" risponde ai cronisti che gli chiedono se Roma possa essere il prossimo problema per l'Unione.

"L'Italia sta prendendo decisioni di bilancio difficili, ma la bozza presentata dal ministro delle Finanze è molto convincente".

Tornando al fronte interno, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano osservava questa mattina che è necessario uno strordinario impegno di coesine nazionale per far fronte alle difficili prove che si profilano per il Paese.

Dal lato dell'offerta, via XX Settembre si prepara a mettere sul piatto domattina 6,75 miliardi di Bot a dodici mesi contro i 7,5 miliardi in scadenza.

Nessuno scambio sul grey market per il Buono luglio 2012, di cui viene unicamente indicato un 'ask' a 97,6793.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below