PUNTO 1 - Vertice Ue su crisi Grecia con testa anche a Italia

lunedì 11 luglio 2011 11:48
 

(aggiunge dettagli su spread Btp/Bund, dimensioni EFSF, proposte allo studio su Grecia)

BRUXELLES, 11 luglio (Reuters) - I vertici finanziari dell'Unione europea sono impegnati oggi in un incontro cruciale sulla Grecia e sul peggioramento della situazione dell'Italia, paese su cui si sono riversati i timori di un contagio della crisi dei debiti sovrani che sta attraversando l'Europa.

Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, incontrerà il presidente della Bce Jean-Claude Trichet e Jean-Claude Juncker, che guida l'Eurogruppo attorno alle 12,00 italiane, in vista del meeting dei 17 ministri delle Finanze della zona euro che si terrà nel pomeriggio.

Il portavoce di Van Rompuy ha definito il vertice, cui parteciperanno anche il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso e il commissario europeo agli Affari economici e monetari Olli Rehn, "un coordinamento, non un vertice di emergenza" e ha precisato che la situazione dell'Italia non è in agenda, come ha ribadito anche oggi il portavoce del governo tedesco.

D'altra parte, fonti qualificate dell'Unione europea hanno riferito che sarà impossibile non parlare dell'Italia, terza economia della zona euro, dopo l'ondata di vendite che ha colpito gli asset italiani venerdì scorso. [ID:nLDE7670M8].

Il sell off ha acuito i timori che l'Italia, che ha il secondo rapporto più alto tra deficit e Pil della zona euro, dopo la Grecia, possa essere il prossimo Paese a restare coinvolto nella crisi. Se questo dovesse verificarsi, il fondo europeo di salvataggio EFSF non avrebbe fondi sufficienti per finanziare gli aiuti.

La pressione dei mercati è legata in parte alla pesantezza del debito sovrano e una crescita economica che resta al palo, ma anche ai timori che il premier Silvio Berlusconi possa defenestrare il ministro delle Finanze Giulio Tremonti, fautore di una linea di rigore dei conti pubblici.

"Non si può andare avanti a lungo come venerdì" ha detto a Reuters un alto funzionario dell'Unione europea. "Siamo preoccupati per l'Italia".   Continua...