PUNTO 1 - Autostrade, verso emendamento contro ammortamento 1%

giovedì 7 luglio 2011 14:19
 

* Concessionarie autostradali chiedono ritiro norma

* Rischio stop investimenti privati, contenzioso Ue

* Aperture ministro, parlamentare su emendamento

(aggiunge dettagli, unisce storia collegata)

di Stefano Bernabei

ROMA, 7 luglio (Reuters) - Le concessionarie autostradali hanno chiesto che il governo ritiri la norma della manovra che allunga a 100 anni l'ammortamento di beni in concessione, come le autostrade, perché "ammazza il sistema" e rischia di bloccare gli investimenti. Hanno anche incassato oggi dal vice ministro delle Infrastrutture l'impegno perché la misura venga eliminata.

Nel corso dell'assemblea dell'Aiscat, l'associazione delle concessionarie, con un intervento dai toni insolitamente molto duri, Fabrizio Palenzona, ha parlato di intervento "surrettizio e inqualificabile" da parte di chi ha introdotto la norma che prevede, al fine di un gettito di 350 milioni di euro, di limitare all'1% annuo (quindi in 100 anni) l'ammortamento di beni in concessione che durano al massimo 30 anni.

"Questa norma sull'1% deve essere cancellata perché distrugge lo sviluppo dell'Italia", ha detto Palenzona.   Continua...