Manovra, Napolitano auspica confronto "realmente aperto"

mercoledì 6 luglio 2011 17:05
 

ROMA, 6 luglio (Reuters) - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel confermare di avere oggi emanato il decreto-legge sulla manovra 2011-2014 dopo che è stato 'corretto' dal governo, auspica che in Parlamento si svolga un "confronto realmente aperto" nella salvaguardia dell'obbiettivo del pareggio di bilancio al 2014.

E' quanto si legge in una nota del Quirinale.

Napolitano dice di avere emanato il decreto "essendo stati essenzialmente ricondotti i suoi contenuti alle norme strettamente attinenti alla manovra finanziaria ed a quelle suscettibili di incidere con effetto immediato sulla crescita economica", con un indiretto riferimento dunque all'eminazione della norma sul Lodo Mondadori.

Il presidente della Repubblica rileva "altresì che il decreto-legge prevede gran parte della manovra necessaria per raggiungere il pareggio del bilancio entro il 2014; per la restante parte si dovrà procedere con gli ordinari strumenti di bilancio relativi al triennio 2012-2014 e i relativi disegni di legge collegati. Il capo dello Stato auspica che in Parlamento si svolga un confronto realmente aperto, che - partendo dalla condivisione dell'impegno assunto in sede europea per il raggiungimento del pareggio di bilancio nel 2014 - consenta una seria discussione e libere scelte circa la impostazione e le misure idonee al raggiungimento di tale obiettivo e quindi alla riduzione del debito pubblico, insieme al rilancio della crescita economica".