Lodo Mondadori, Calderoli corregge Romani:norma incostituzionale

mercoledì 6 luglio 2011 16:58
 

ROMA, 6 luglio (Reuters) - La bagarre nel governo sulla norma, prima entrata in manovra poi espunta su decisione di Silvio Berlusconi, che di fatto avrebbe congelato il pagamento del risarcimento del Lodo Mondadori (MOED.MI: Quotazione) in caso di condanna della Fininvest (MS.MI: Quotazione) anche in appello è proseguita anche nel corso della conferenza stampa di oggi al Tesoro di presentazione della manovra.

Rispondendo alla domanda di un cronista, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, quello dello Sviluppo economico Paolo Romani e quello della Semplificazione Roberto Calderoli hanno dato risponde diverse, gli ultimi due in aperto contrasto tra loro.

Tremonti ha evitato di rispondere rimandando ad un comunicato di palazzo Chigi in materia (non è apparso ben chiaro se si riferisse ad un nuovo comunicato, come è apparso ai più, oppure a quello pubblicato ieri).

Romani ha difeso la norma definendola giusta ed un elemento equità giuridica aggiungendo che è stata "responsabilmente" espunta per evitare che le polemiche coinvolgessero l'intera manovra.

Su sollecitazione di un altro cronista è a questo punto intervenuto Calderoli confermando di avere "qualche perplessità dal punto di vista della costituzionalità" della norma espunta che non renderebbe tutti i cittadini uguali davanti alla legge.