Spagna, minEconomia difende nuove misure, fiducia su Pil +1,3%

mercoledì 6 luglio 2011 11:30
 

di Fiona Ortiz

MADRID, 6 luglio (Reuters) - L'economia spagnola è sul sentiero giusto per crescere e il governo, impegnato a tagliare il deficit, non ha in programma di imporre nuove tasse.

Lo ha detto stamane il ministro dell'Economia spagnolo Elena Salgado in un'intervista alla radio.

Il ministro si è detto fiducioso sulla possibilità della Spagna di registrare una crescita economica dell'1,3%, come prvisto dal governo. Il consensus degli operatori di mercato è, invece, più cauto, attorno a 0,8%.

Salgado ha difeso tre iniziative del governo che sono state interpretate come misure gradite ai votanti di sinistra che hanno punito il partito socialista nelle elezioni regionali di maggio a causa delle misure di austerità varate per fugare i timori dei mercati finanziari.

Si tratta di misure per sostenere proprietari immobiliari indebitati che hanno subito il pignoramento della casa, un'analisi dei bonus per i manager bancari da parte della Banca centrale e la concessione linee di credito del governo ai comuni in difficoltà con i pagamenti ai fornitori.

Alcuni ministri hanno parlato negli ultimi giorni di nuove tasse sui manager bancari, ma il ministro dell'Economia ha detto che ciò a cui punta veramente il governo è assicurarsi che bonus e incentivi non spingano i banchieri a fare prestiti ad alto rischio.

"La Banca di Spagna vigilerà sugli incentivi per i lavoratori del settore finanziario per essere sicuri che questi bonus non aumenti il rischio sulla solvibilità del sistema nel futuro", ha detto Salgado.