Manovra, 5 mld tagli a ministeri al 2014, 1,9 mld allo Sviluppo

martedì 5 luglio 2011 11:56
 

 ROMA, 5 luglio (Reuters) - I tagli ai ministeri incideranno
a partire dal 2014 per 5 miliardi e la parte del leone la farà
il ministero dello Sviluppo con 1,963 miliardi di euro.
 Lo si desume dalle tabelle allegate al testo più aggiornato
della manovra sotto esame del Quirinale.
 In termini di minore indebitamento netto i tagli ammontano a
1 miliardo nel 2012, a 3,5 miliardi nel 2013 e a 5 miliardi a
decorrere dal 2014. In termini di saldo netto da finanziare
(espresso sempre in base al criterio della competenza economica
ma che non coincide con l'indebitamento netto) i tagli incidono
complessivamente per 1,5 miliardi nel 2012, 3,5 nel 2013 e 5
miliardi dal 2014.
 Il ministero dello Sviluppo concorre con 47,6 milioni nel
2012, 1,88 nel 2013 e 1,96 miliardi nel 2014. Il ministero
dell'Economia partecipa con 409 milioni l'anno prossimo, 735,2
milioni nel 2013 e 1,39 miliardi nel 2014.
 Ecco la tabella con le riduzioni di spesa in termini di
indebitamento netto ministero per ministero (in milioni)
 
     
                            2012       2013      2014
Ministero Economia            409,2      735,2   1.390,1
Ministero Sviluppo             47,6    1.880,2   1.963,4
Ministero Welfare              14,3       22,9      42,7
Ministero Giustizia            41,8       66,7     124,4
Ministero Esteri               29,7       49,0      91,3
Ministero Istruzione           25,9       33,7      62,9
Ministero Interno              96,7      141,6     263,8
Ministero Ambiente             13,1       30,8      57,5
Ministero Infrastrutture       26,4       55,4     103,2
Ministero Difesa              249,4      413,5     769,1
Ministero Agricoltura          22,1       40,5      74,6
Ministero Beni culturali       11,7       14,9      27,8
Ministero Salute               12,1       15,7      29,3
TOTALE                        1.000     3.500      5.000
 
 (Giuseppe Fonte e Francesca Piscioneri