Grecia,Stark (Bce) respinge ipotesi 'Brady bond' per salvataggio

mercoledì 29 giugno 2011 11:14
 

FRANCOFORTE, 29 giugno (Reuters) - Il membro tedesco dell'esecutivo Bce, Jurgen Stark, respinge l'idea di una soluzione tipo 'Brady bond' per la Grecia, avvertendo che violerebbe la clausola Ue di non salvataggio.

Un piano in cui le banche ricevono bond garantiti dall'Ue in cambio dei bond greci attualmente detenuti è emerso come possibile soluzione per incoraggiare i creditori a mantenere invariata la loro esposizione sul paese.

"Questo strumento (un soluzione Brady bond) è fuori discussione. Romperebbe il divieto di aiuti - la clausola di non salvataggio all'articolo 125 del Trattato europeo", ha affermato Stark in un'intervista al quotidiano Die Zeit. "Abbiamo regole nell'unione monetaria e dobbiamo rispettarle".

Stark ha aggiunto che la ristrutturazione del debito sovrano della Grecia colpirebbe le banche del paese, con conseguente collasso dell'economia nazionale.