Manovra, 43 mld al 2014, 3 mld tagli a comuni, blocco turn over

mercoledì 22 giugno 2011 17:03
 

ROMA, 22 giugno (Reuters) - Il governo presenterà il 28 o il 29 giugno la nuova manovra correttiva necessaria a raggiungere il pareggio di bilancio, che avrà un valore complessivo di circa 43 miliardi tra 2011 e 2014.

Lo riferisce una fonte governativa confermando che il decreto legge conterrà un intervento da 3 miliardi sul 2011 e da 5 miliardi sul 2012, in gran parte necessari a finanziare spese insopprimibili ma ancora non iscritte formalmente a bilancio.

"L'intervento sul 2013 dovrebbe ammontare a circa 20 miliardi, quindi sul 2014 la manovra inciderebbe per 15 miliardi. Il decreto sarà approvato il 28 o il 29 giugno e dovrà essere convertito dalle Camere entro il 5 agosto", spiega la fonte.

Il carnet di misure non è ancora definito nei minimi dettagli, ma la fonte anticipa che i tagli ai ministeri dovrebbero valere circa 5-6 miliardi. Previsto anche un rafforzamento nel blocco del turn over e l'estensione al 2014 del congelamento dei salari nella pubblica amministrazione disposto lo scorso anno per il periodo 2011-2013.

Come ha anticipato Reuters nelle scorse settimane, una buona fetta dei tagli colpirà anche gli enti locali. La fonte dice che solo sui comuni la manovra dovrebbe incidere per circa 3 miliardi.

Non è ancora noto il contributo delle Regioni, ma in una pausa dei lavori parlamentari il ministro competente in materia, Raffaele Fitto, spiega che nuovi tagli "siano di fatto inevitabili".

Per indorare la pillola agli amministratori locali, il governo pensa di riscrivere la disciplina del patto di stabilità interno in modo da offrire margini di manovra sui bilanci agli enti con i conti più in equilibrio.

(Giuseppe Fonte)