June 20, 2011 / 8:51 AM / 6 years ago

PUNTO 1 - Grecia, discutere di contributo privati - Schaeuble

4 IN. DI LETTURA

(modifica titolo e riscrive attacco partendo da nuove dichiarazioni ministro all'ingresso dell'Eurogruppo)

LUSSEMBURGO/BERLINO, 20 giugno (Reuters) - A parere del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble va discusso del ruolo "sostanzioso" che il settore privato dovrà svolgere nel salvataggio della Grecia, tema su cui si arriverà a un risultato positivo.

"Ne dobbiamo discutere adesso con tutte le istituzioni coinvolte. Si tratta di un equilibrio delicato: da un lato deve avvenire su base volontaria, altrimenti ci sarebbero delle conseguenze, ma dall'altro deve portare a risultati... continueremo a lavorarci" dice alla stampa entrando ai lavori dell'Eurogruppo.

"E' interesse di tutti che la situazione sia ben gestita, sono quindi fiducioso si possa arrivare a un risultato positivo" aggiunge.

Il ministro si sofferma poi sulla decisione dei ministri finanziari dei diciassette paesi Uem di far slittare ieri sera il via libera alla concessione della quinta tranche degli aiuti ad Atene.

"Non siamo noi a far aspettare la Grecia: è la Grecia a dover creare le condizioni perché venga come previsto elargita la prossima tranche degli aiuti. La scadenza è luglio ed è a causa di Atene che abbiamo adesso queste difficoltà".

E' dunque arrivato il momento, continua il ministro, che ad agire sia la Grecia, cui spetta di rispettare la condizioni per la concessione della prossima tranchee.

Tornando al prossimo programma di aiuti, anche in un'intervista di questa mattina a 'Deutschlandfunk' il ministro ha affermato che il coinvolgimento dei privati deve avvenire su base volontaria, diversamente da quanto sembrava proporre lo stesso Schaeuble lo scorso 8 giugno chiedendo un'estensione di sette anni della scadenza dei titoli del Tesoro greci.

"La partecipazione del settore privato deve essere volontaria perché se non fosse volontaria sarebbe, sotto tutte le regole, comprese quelle sull'assicurazione del credito, un evento creditizio, cosa che porterebbe immediatamente a un downgrade della Grecia" ha detto.

L'Eurogruppo di ieri sera, che prosegue oggi, ha fatto slittare la decisione sulla concessione dei 12 miliardi di euro della prossima tranche di aiuti ad Atene fino alla presentazione del nuovo piano di austerità del governo greco, che domani si presenta in Parlamento per il voto di fiducia dopo il rimpasto annunciato venerdì.

I ministri hanno dichiarato che il pagamento della tranche - fondamentale per evitare un default - è atteso per metà luglio.

Un comunicato della notte ha scritto che si lavorerà a un secondo piano di aiuti da delineare in luglio con nuovi prestiti ufficiali e un coinvolgimento degli investitori privati, chiamati a mantenere l'esposizione alla Grecia attraverso l'acquisto volontario di nuovi bond quando quelli in portafoglio scadranno.

Nessun dettaglio tuttavia è stato fornito sulla cifra di tale piano e sulle modalità del contributo privato, se non che sarà "sostanzioso".

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below