PORTAFOGLI-Pimco punta su debito, valute emergenti,materie prime

lunedì 20 giugno 2011 13:07
 

* Paesi sviluppati dominano ancora mercati finanziari

* Piacciono Messico, Brasile, projet loans per infrastrutture

* Preferiti corporate del settore energia, materie prime

MILANO, 20 giugno (Reuters) - Tassi risicati e rischi sul debito sovrano spingono il colosso degli investimenti obbligazionari Pimco fuori dai governativi delle aree "core" delle due sponde dell'Atlantico verso il debito e le valute dei paesi emergenti.

Questi mercati, per il MD e generalist portfolio manager Curtis Mewbourne, "stanno diventando una parte sempre più importante del panorama globale, mentre i mercati finanziari sono ancora principalmente mercati sviluppati in termini di valute, di attività di finanziamento e di emissioni".

Per gli investitori, quindi, "la vera opportunità è quella di anticipare questo trend e cercare di sintonizzarsi di più a quello che sta accadendo a livello di attività economica", ha aggiunto.

In un'ottica a 3-5 anni, largo dunque ai mercati in via di sviluppo nei prodotti multi asset della casa, "soprattutto valute e reddito fisso, meno le azioni", e alle materie prime. Mewbourne cita Messico, Brasile e l'investimento in prestiti per progetti di costruzione nel settore delle infrastrutture dei paesi emergenti. Sul mercato delle commodity Pimco privilegia quelle dove la domanda resterà sostenuta nel medio periodo. "Beni agricoli, legati all'aumento del consumo di proteine nei paesi in via di sviluppo, metalli destinati a beni durevoli in relazione all'aumento dei consumi nel mondo emergente e le fonti energetiche disponibili e trasportabili", ha precisato il gestore.

SPREAD CORPORATE RESTANO STORICAMENTE ATTRAENTI   Continua...