Btp positivo, tiene su Bund nonostante Grecia, bene asta 5 anni

martedì 14 giugno 2011 12:35
 

 MILANO, 14 giugno (Reuters) - Riesce a mantenere le
posizioni rispetto alla controparte tedesca il secondario dei
Btp, impegnato stamane con un'asta a medio-lungo di metà mese
particolarmente leggera.
 Sullo sfondo della nuova fiammata ai record storici dalla
nascita dell'euro dei rendimenti per i tre periferici più
gravemente toccati dalla crisi - Grecia, Irlanda e Portogallo,
destinatari degli aiuti Ue - la forchetta Italia/Germania sul
tratto decennale viaggia sui livelli della chiusura precedente
in area 180 punti base.
 Insieme al ministero dell'Economia, dal lato del primario si
sono mosse questa mattina anche Spagna e Grecia, entrambe sul
segmento a brevissimo.
 "Il risultato di tutte e tre le aste è sostanzialmente
positivo ma siamo in una fase di stallo per quanto riguarda la
crisi dei periferici e il mercato resta estremamente fragile"
commenta un operatore.
 Sul fronte interno, via XX Settembre è riuscita ad assegnare
l'importo massimo di 3,5 miliardi di euro - 2,5/3,5 il range
indicativo - nella quinta riapertura del Btp a cinque anni 15
aprile 2016 al prezzo di 99,50 e al tasso di 3,90% - livello
identico a marzo scorso da confrontare con il 3,77% di metà
maggio.
 Tenendo conto di una domanda - "non eccelsa" - pari a 4,484
miliardi, il coefficiente 'bid-to-cover' passa a 1,28 da 1,45
del collocamento precedente.
 "Un risultato positivo in termini di prezzo e una copertura
non particolarmente brillante ma tutt'altro che scontata in una
fase come questa" osserva un secondo trader.
 Ieri sera a mercati europei chiusi la scure S&P è tornata ad
abbattersi sul rating sovrano greco, portato a 'CCC' con
prospettive negative.
 Diventa sempre più probabile, a parere dell'agenzia di
rating, che qualsiasi tipo di intervento sul debito equivalga a
un default.
 L'agenzia ellenica per la gestione del debito ha intanto
perfezionato in mattinata il collocamento di 1,625 miliardi di
carta a sei mesi al rendimento di 4,96% dal precedente 4,88%.
Resta elevata e addirittura migliora la partecipazione degli
investitori esteri, la cui quota raggiunge il 37% da 34,1% il 10
maggio scorso.
 Per terminare il quadro dell'offerta, il Tesoro spagnolo ha
assegnato 5,42 miliardi a 12 e 18 mesi a tassi in leggera salita
rispetto al collocamento precedente.
 "Non si può negare che Italia e Spagna stiano tenendo,
sarebbe però forse più corretto dire che è il resto della
periferia ad andare a fondo" conclude il trader.
 
============================ 12,30 ============================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND SETTEMBRE FGBLU1    125,77   (-0,16)          
FUTURES BTP  SETTEMBRE FBTPU1    108,57   (+0,23)          
BTP 2 ANNI (GIU 13)  IT2YT=TT     98,27   (-0,01)     2,929%
BTP 10 ANNI (SET 21) IT10YT=TT   100,25   (+0,22)     4,773%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    93,21   (+0,02)     5,542%

============================ SPREAD (PB) ======================
                                             ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        -6                 -3 
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       139                140 
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       179                183 
- livelli minimi/massimi           174,9-181,5      179,7-187,2
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      180                183 
- livelli minimo/massimo           176,2-181,9      180,8-187,5
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       196                201  
BTP 2/10 ANNI                        184,4               185,8
BTP 10/30 ANNI                        76,9                76,3
===============================================================