SINTESI2-Italia, no allarme Fitch, Moody's su taglio outlook S&P

lunedì 23 maggio 2011 14:43
 

(Aggiunge in quinto, sesto e ultimo paragrafo ulteriori commenti analista Fitch)

di Giulio Piovaccari

MILANO, 23 maggio (Reuters) - Toni più rassicuranti da parte delle altre agenzie di rating dopo che venerdì sera Standard & Poor's ha deciso di tagliare l'outlook sul rating italiano a "negativo" da "stabile".

Sia Fitch sia Moody's sembrano riconoscere al governo italiano un'immutata capacità di tenere sotto controllo la dinamica dei conti pubblici nazionali.

"Non vediamo al momento alcuna modifica dell'outlook o del rating sovrano dell'Italia" ha detto a Reuters l'analista di Fitch David Riley, confermando che "non c'è evidenza che la situazione dei conti pubblici italiani si stia deteriorando" e che il governo "è sul sentiero per centrare i target 2011".

Il rating di Fitch sull'Italia è attualmente ad AA-, con outlook stabile; quello di S&P ad A+, ora con outlook negativo.

Riley spiega che una potenziale causa di revisione del rating o dell'outlook per l'Italia potrebbe aversi in caso di deviazione dal piano di consolidamento fiscale varato dal governo, cosa che non sta avvenendo in quanto si è riusciti a ridurre il rapporto deficit/pil del 2010 al 4,6% rispetto a proiezioni di un 5%, a fronte di "un'economia che si è ampiamente mossa in linea con le attese".

"Nonostante un qualche 'rumore' politico c'è scarsa evidenza che ciò stia avendo un impatto sulla capacità del governo di attuare il proprio piano", afferma Riley.   Continua...