Voto, Lega non lascerà Milano a "un matto" come Pisapia - Bossi

giovedì 19 maggio 2011 12:23
 

ROMA, 19 maggio (Reuters) - Umberto Bossi aveva ammesso ieri che i toni radicali della campagna elettorale del centrodestra erano stati puniti dagli elettori e occorreva rivederli in vista del ballottaggio, ma già oggi cambia idea e apostrofa Giuliano Pisapia, candidato del centrosinistra antagonista di Letizia Moratti per la poltrona di sindaco a Milano, come "matto".

A chi gli chiede al termine di un colloquio con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi se la Lega si attiverà in vista del secondo turno nel capoluogo lombardo di fine mese, il Senatur risponde: "La Lega si impegna, non lascerà Milano a un matto che vuole riempirla di clandestini e moschee e vuole trasformala in una zingheropoli".