19 maggio 2011 / 08:47 / 6 anni fa

PUNTO 1-Chrysler rimborsa prestiti governo 24/5,titolo Fiat sale

(Aggiunge indiscrezioni su pricing emessione bond, andamento titolo)

MILANO/DETROIT, 19 maggio (Reuters) - Chrysler Group LLC rimborserà circa 7,5 miliardi di dollari di prestiti dovuti ai governi Usa e canadese il 24 maggio per rafforzare la propria posizione finanziaria. Lo ha detto una fonte vicina al dossier.

I prestiti si inquadrano nella ristrutturazione del produttore di auto partecipato da Fiat FIA.MI e, secondo quanto riferito in passato da alcune fonti, verranno rimborsati usando 3,5 miliardi di dollari di obbligazioni, 2,5 miliardi di dollari di un altro prestito e 1,3 miliardi in contanti in arrivo da Fiat.

I dettagli dell‘offerta di bond da 3,5 miliardi verranno resi noti oggi, giorno in cui avverrà il pricing. Chrysler non ha voluto commentare.

TITOLO FIAT IN RIALZO

Il nuovo tassello verso il pieno controllo del gruppo Usa da parte del Lingotto premia il titolo Fiat, che intorno alle 10,30 in Piazza Affari è il migliore del listino principale .FTMIB con un rialzo dell‘1,09% a 6,945 euro, anche se con volumi modesti. “Fiat sale sulla notizia Chrysler”, dice un trader. “La notizia non è una vera novità, ma basta per sostenere il titolo in un mercato con pochi spunti”, aggiunge un secondo dealer.

Bene anche il socio di riferimento EXOR (EXOR.MI), che segna un progresso dello 0,89%. Il settore auto europeo .SXAP sale dello 0,48%.

SECONDO INDISCREZIONI PRICING PIU’ ALTO DELLE ATTESE

Secondo Il Sole 24 Ore, che cita indiscrezioni raccolte i ambienti finanziari informati, il pricing è stato più elevato di quanto si stimava all‘inizio dell‘offerta.

In particolare, per le emissioni a otto anni vi sarà un pricing di quasi 50 punti base superiore rispetto a quello dell‘offerta originaria mentre per quelle a dieci anni le indiscrezioni indicano un livello “quasi certamente superiore” di 75 punti base.

Sempre secondo le indiscrezioni riportate dal quotidiano, l‘AD Sergio Marchionne “avrebbe preferito puntare al prezzo più basso, anche se era cosciente che sarebbe stato difficile ottenerlo, per poi essere disposto a salire in seconda battuta”.

Immediatamente dopo l‘erogazione dei fondi, attesa per la prossima settimana, Chrysler procederà al rimborso dei prestiti governativi, spiega il quotidiano.

A fine aprile la società aveva annunciato il rimborso dei prestiti governativi entro la fine di giugno, ma già a inizio mese il Sole 24 Ore aveva anticipato che il closing del rifinanziamento sarebbe avvenuto entro il 24 maggio.

Il rifinanziamento del debito governativo consente a Chrysler di abbassare la spesa in interessi, pari a 1,2 miliardi di dollari l‘anno scorso. L‘operazione autorizza inoltre Fiat a salire al 46% del produttore di auto statunitense dall‘attuale 30%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below