Btp positivi, spread allarga poco su Bund, pochi scambi

giovedì 12 maggio 2011 12:54
 

   MILANO, 12 maggio (Reuters) - Il mercato obbligazionario
italiano a metà seduta viaggia in territorio positivo, con
spread che, rispetto alla chiusura di ieri,  allarga di poco sul
Bund tedesco, oggi tornato a correre con il riaccendersi dei
timori sulla situazione finanziaria della Grecia.
 A metà seduta, su piattaforma Tradeweb, il differenziale di
rendimento del decennale italiano rispetto a quello tedesco
IT10DE10=TWEB si colloca sui 163 punti base, rispetto ai 160
della chiusura di ieri.
 Dopo le prime battute, in cui i futures sul Btp a giugno
sono sconfinati lievemente in negativo, la tendenza si è
invertita e i derivati sono girati al rialzo.
 "Oggi è una giornata di attesa, gli scambi non sono molti,
ma la domanda resta molto solida" commenta un dealer da Milano,
confermando la tendenza, evidenziatasi nelle ultime settimane,
di un parziale distacco, agli occhi degli investitori,
dell'Italia dai paesi periferici alle prese con la crisi del
debito sovrano.
 "L'Italia sta tenendo molto bene e i movimenti dello spread
sulla Germania ne sono la prova " osserva il dealer.
 A tornare sotto pressione oggi è stato il debito ellenico,
dopo che il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha
fatto sapere che la Germania non approverà un nuovo pacchetto di
aiuti alla Grecia senza condizioni chiare. 
 Schaueble ha anche sottolineato che la Germania prenderà
posizione in merito alla nuova tranche di prestiti solo dopo che
si concluderanno le ispezioni del Fondo Monetario Internazionale
e dell'Unione Europea.
 Si alleggerisce, invece,la pressione sulla carta portoghese,
con rendimenti che continuano la discesa avviata all'inizio
della settimana. Il primo ministro finlandese Jirky Katainen si
è assicurato il sostegno del principale partito di opposizione,
che ha sciolto la sua riserva sul sostegno parlamentare alle
misure di aiuti del Fondo Monetario Internazionale e dell'Unione
Europea.
 
 DOMANI ASTE  DI QUINQUENNALE E TRENTENNALE      
 Intanto il mercato comincia a prepararsi alle aste di
domani, quando il Tesoro italiano offrirà da 2,5 a 3,5 miliardi
del Btp quinquennale, cedola 3,75%, e da 1 a 1,75 miliardi di
euro del Btp trentennale, cedola 5%.
 "La curva del Btp sta accennando un appiattimento nel
segmento dei 5-10 anni, ed è abbastanza comprensibile vista
l'offerta di domani" spiega un dealer.
 Entrambi i titoli oggi segnano un lieve rialzo.
 "Nei confronti del quinquennale ci aspettiamo un buon
interesse da parte del mercato, mentre l'asta del trentennale
sarà un test per valutare l'appetito degli investiori verso la
parte più lunga della curva, che non dovrebbe creare particolari
problemi vista che il range di offerta non è elevatissimo"
sottolinea il dealer, prevedendo per il trent'anni
un rendimento compreso "tra il 5,48 e il 5,52%" 
 ============================= 12,30===========================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND GIUGNO    FGBLM1    124,40   (+0,47)            
FUTURES BTP  GIUGNO    FBTPM1    110,26   (+0,28)            
BTP 2 ANNI (GIU 13)  IT2YT=TT     98,23   (+0,06)      2,912%
BTP 10 ANNI (MAR 21) IT10YT=TT   100,77   (+0,32)      4,708%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    94,12   (+0,19)      5,474%
============================ SPREAD (PB) =======================
                                             ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        11                  9 
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       126                122 
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       162                162 
- livelli minimi/massimi           161,4-164,3       156,7-161,4
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      163                160 
 - livelli minimo/massimo          162,1-165,8       157,4-161,8
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       181                181  
BTP 2/10 ANNI                         179,6              178,5
BTP 10/30 ANNI                         76,6               74,0
===============================================================