BREAKINGVIEWS - Grecia, come evitare un effetto Lehman

mercoledì 11 maggio 2011 10:41
 

Gli autori sono editorialisti di Reuters Breakingviews. Le opinioni espresse sono le loro.

di Hugo Dixon e Neil Unmack

LONDRA, 9 maggio (Reuters Breakingviews) - La ristrutturazione del debito greco è allo stesso tempo desiderabile e inevitabile, nonostante l'Unione europea continui a dire che l'argomento non è sul tavolo.

Ma una ristrutturazione potrebbe portare il caos nei paesi della zona euro. In verità, molti evocano un "effetto Lehman" -- uno shock così forte da causare una crisi bancaria e un effetto domino in Europa.

Il timore è reale. Ma dovrebbe essere un incentivo per trarre insegnamenti dal fallimento di Lehman Brothers in modo che, quando i debiti della Grecia saranno ristrutturati, il resto della zona euro potrà resistere alla scossa.

Stime ufficiali dicono che il debito greco toccherà il 159% del Pil nel 2012. Sopportare un onere di queste dimensioni richiederebbe misure di austerity in grado di deprimere l'economia per anni.

La Grecia non sta per finire i soldi dall'oggi al domani perchè ha ricevuto un programma di aiuti da 110 miliardi di euro dell'Unione europea e del Fondo monetario internazionale.

Ma il governo sarà finanziato solo fino al prossimo anno, e dovrà raccogliere 27 miliardi di euro nel 2012.

I ministri delle Finanze europei stanno discutendo di come far superare questo scoglio ad Atene. Le idee vanno da condizioni più generose sui prestiti ricevuti a extra cash.   Continua...