9 maggio 2011 / 10:22 / 6 anni fa

PUNTO 1-Consob,verso semplificazione prospetti informativi-Vegas

(aggiunge altre dichiarazioni Vegas)

MILANO, 9 maggio (Reuters) - L'attuale disciplina dei prospetti informativi rappresenta un esempio di regolazione eccessivamente complessa che andrebbe semplificata con particolare riguardo agli strumenti finanziari piu' semplici.

Lo afferma il presidente delle Consob, Giuseppe Vegas, in occasione dell'incontro annuale con il mercato finanziario, aggiungendo che la Commissione sta inoltre valutado l'opportunità di vietare la distribuzione ai risparmiatori di alcuni prodotti "che possono diventare sempre più opachi e tossici e far crescere i cosidetti 'sistemi ombra'".

"La Consob sta già riflettendo sulle modalità di semplificazione dei prospetti dei prodotti non azionari", ha detto Vegas.

A questo proposito, ha spiegato, la Commissione ha avviato un tavolo di lavoro per "vagliare, in un primo approccio, uno snellimento delle procedure di approvazione e dei contenuti dei prospetti relativi agli strumenti finanziari piu' semplici - quelli che potremmo definire obbligazioni 'da banco' - individuati sulla base di criteri certi, quali la semplicità, la durata e la liquidabilità".

Relativamente ai prodotti finanziari cosiddetti tossici e "potenzialmente forieri di nuove 'bolle'", Vegas ha detto che per alcuni casi "è giunto il momento di interrogarsi sull'opportunità di vietarne la distribuzione ai risparmiatori".

Vegas ha sottolineato la necessità, in tema di regolamentazione, di avere un "sistema di norme chiare e di semplice applicazione supportato da un sistema sanzionatorio inflessibile".

Una maggiore semplificazione e standardizzazione dei documenti relativi ai prodotti rivolti ai risparmiatori può inoltre limitare le opportunità di arbitraggi fra paesi incentivando gli emittenti italiani a scegliere sistemi più permissivi.

"In ambito comunitario si tratterebbe di estendere ai vari prodotti finanziari l'approccio già adottato per i fondi comuni di investimento con l'introduzione del cosiddetto key investor information document (Kiid), due pagine senza termini tecnici e di facile lettura", ha spiegato Vegas.

L'occasione per riscrivere le regole è rappresentata, ha precisato, dalla revisione della Direttiva Prospetto e il progetto di armonizzazione della disciplina dei prodotti complessi.

MODULARE VIGILANZA SU PRINCIPIO PRIORITA'

L'orientamento della Consob è quello di adottare un principio di priorità nella propria azione di vigilanza per rendere più tempestiva ed efficace l'azione di 'enforcement', ha spiegato Vegas.

Questo per evitare gli effetti controproducenti derivanti da un apparato sanzionatorio eccessivo e non proporzionato alla gravità dei comportamenti illeciti, così come una vigilanza "che pone sul medesimo piano illeciti 'bagatellari' e condotte profondamente lesive degli intersse dei risparmiatori e del mercato".

Pertanto, prosegue il presidente della Commissione, "la Consob intende modulare la vigilanza sulla base del principio di priorità, al fine di colpire con rapidità e severità i comportamenti più gravi".

Per quanto riguarda invece le sanzioni, "altre misure richiedono invece una riconsiderazione dell'impianto sanzionatorio del Testo unico della finanza secondo un approccio che guardi alla sostanza". Questo significa graduare la punizione rispetto all'importanza dei comportamenti illeciti o, in alcuni casi, "aumentare la flessibilità dell'intervento, consentendo l'interruzione del procedimento sanzionatorio quando è possibile rimuovere tempestivamente i comportamenti sanzionabili".

Andrea Mandalà

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below