Btp in rialzo, spread su Bund allarga, mercato attende dati Usa

venerdì 6 maggio 2011 13:12
 

 MILANO, 6 maggio (Reuters) - Btp positivi a metà seduta, con
spread in allargamento sul decennale tedesco attorno ai 160
punti base, contro i 155 della chiusura di ieri.
 Al di là del lieve salita del differenziale, il debito
italiano riesce comunque a tenere il passo del segmento 'core',
pur in una seduta di rinnovate pressioni sulla periferia.
 Il Bund prosegue nel suo movimento al rialzo, avviato ieri a
seguito del discorso di Jean-Claude Trichet, che sembra aver
allontanto la possibilità di un rialzo dei tassi della zona euro
già a giugno.
 Il future Bund ha registrato in mattinata un solo fugace
sconfinamento in territorio negativo, quando il banchiere
centrale austriaco e consigliere Bce Ewald Nowotny ha suggerito
al mercato di non considerare il discorso di Trichet di ieri in
maniera eccessivamente accomodante. Poi ha ripreso a salire.
  Gli acquisti di debito tedesco sono in parte sostenuti da
attese non esaltanti per i dati sul mercato del lavoro americano
in arrivo oggi alle 14,30 italiane. In base alla previsioni,
infatti, i nuovi occupati non agricoli ad aprile dovrebbero
fermarsi a 186.000 unità contro le 216.000 di marzo,
riaddensando i timori dei mercati sullo stato di salute
dell'economia Usa.
 "Anche ieri hanno aiutato i dati non positivi dagli Stati
Uniti, e oggi potrebbe avvenire lo stesso, sebbene in questo
momento nessuno sembra volersi sbilanciare troppo, visto che gli
scambi non sono tantissimi" osserva un dealer da Milano.
 In un contesto di incertezza sulla ripresa economica negli
Usa e negli altri paesi avanzati il debito periferico, con
l'eccezione dell'Italia che tende a seguire la scia del Bund,
resta sotto pressione. 
 "In particolare oggi è la Spagna a pagare un po' di prese di
profitto dopo l'annuncio di ieri riguardo le prossime aste",
dice il dealer.
 "Il movimento di irripidimento della curva del Btp che si è
registrato ieri sta rientrando, e per il momento la scadenza che
ne sta traendo più beneficio è quella trentennale" nota
l'operatore.
 In una giornata priva di collocamenti, gli operatori
attendono comunque a mercati chiusi le comunicazioni del Tesoro
sulle prossime aste di debito italiano. In particolare, verranno
annunciati i dettagli sulle aste a breve dell'11 maggio (che
comprenderà senz'altro il 12 mesi, mentre il 3 mesi, come spesso
avvenuto nell'ultimo periodo, potrebbe non essere emesso) e la
tipologia dei titoli a medio e lungo termine che verranno
collocati il 13 maggio.
 "Difficile fare una previsione, ma se non venisse riaperto
il 15 anni, sarebbe forse un segnale che a breve potrebbe essere
emesso un nuovo benchmark su questa scadenze, attraverso [un
collocamento] sindacato" conclude il dealer.
 
============================= 12,30 ===========================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND GIUGNO    FGBLM1    123,59   (+0,52)            
FUTURES BTP  GIUGNO    FBTPM1    109,81   (+0,16)            
BTP 2 ANNI (GIU 13)  IT2YT=RR*    98,16   (+0,02)      2,934%
BTP 10 ANNI (MAR 21) IT10YT=TT    93,36   (+0,16)      4,651%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    93,31   (+0,13)      5,533% 
 
* Da schermi Reuters in assenza scambi su Mts
============================ SPREAD (PB) =======================
                                             ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5         2                  0 
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       117                118 
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       149                147 
- livelli minimi/massimi           144,8-152,5       140,0-147,2
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      160                155  
 - livelli minimo/massimo          155,6-162,8       150,8-157,8
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       185                180
BTP 2/10 ANNI                          --                175,3
BTP 10/30 ANNI                         88,2               88,0
===============================================================
 (Elvira Pollina)