Libia, Berlusconi presiede riunione Pdl-Lega, assente Bossi

martedì 3 maggio 2011 11:45
 

ROMA, 3 maggio (Reuters) - Silvio Berlusconi presiede a Palazzo Chigi l'annunciata riunione fra Pdl e Lega per trovare una mediazione sulla mozione del Carroccio che frena sull'impegno militare italiano in Libia e sulla quale l'aula della Camera vota domani.

Assente Umberto Bossi che non ha ancora incontrato vis-a-vis il premier dopo il gelo calato negli ultimi giorni e le minacce del Senatur di far cadere il governo sulla campagna di Libia.

Per la Lega sono presenti alla riunione i capigruppo e i ministri dell'Intenro, Roberto Maroni e della Semplificazione, Roberto Calderoli. Presenti anche i capigruppo del Pdl e i ministri degli Esteri Franco Frattini e della Difesa Ignazio La Russa.

La mozione della Lega fa seguito alla decisione del governo di un impegno italiano rafforzato in Libia che prevede anche bombardamenti, seppure su obiettivi militari mirati. Il Carroccio, assolutamente contrario, ha annunciato una mozione in cui si chiede, tra l'altro, "un termine temporale certo, entro cui concludere le azioni mirate sul territorio libico".

Su questo punto la mediazione appare complessa poiché non spetta a un singolo governo stabilire la fine delle ostilità contro il regime di Muammar Gheddafi, travolto dalla sollevazione popolare, bensì alla Nato che coordina le operazioni militari.

L'idea è che non si indichi una data ma un termine generico in linea con la risoluzione 1973 dell'Onu che finalizza gli attacchi alla protezione dei civili.

Più semplice trovare un accordo sugli altri punti laddove si chiede l'esclusione in ogni caso di attacchi da terra (cosa peraltro già esclusa dalla risoluzione Onu), che non ci siano aggravi fiscali per i cittadini a seguito del rafforzato impegno militare, e un maggiore coinvolgimento dei paesi coinvolti nella gestione dei flussi migratori.

Il premier ieri si è mostrato tranquillo sulla possibilità di trovare una mediazione che consenta al governo di andare avanti con la legislatura.