Grecia, governo assicura sforzo ulteriore per gestione deficit

martedì 26 aprile 2011 14:03
 

ATENE, 26 aprile (Reuters) - La Grecia si è impegnata a raddoppiare gli sforzi per gestire un deficit di bilancio che Eurostat vede al 10,5% del pil sul 2010.

La revisione al rialzo, dall'inizile 9,4%, del deficit greco operata da Eurostat mette sotto ulteriore pressione il paese che deve riuscire a tornare sul mercato dei capitali prima che i 110 miliardi del prestito d'emergenza dell'Ue e del Fmi si esauriscano, alla fine del prossimo anno.

Il ministero delle Finanze greco ha attribuito la discrepanza sui dati di deficit 2010 ad una recessione più profonda del previsto, aggiungendo che nuovi sforzi sono necessari in determinate aree del bilancio pubblico, quali la spesa ospedaliera e l'evasione su tasse e contributi pensionistici.

"Il governo grco rimane impengato a raggiungere i propri obiettivi di deficit" si legge in un comunicato del ministero delle Finanze. "Tutte le misure necessarie in tale direzione sono prese in considerazione nel contesto di una strategia fiscale di medio termine che sarà sottoposta al parlamento il 15 maggio".

Atene ha da poco preparato un piano di privatizzazioni e di uteriori risparmi di bilancio, che include misure per 3 miliardi di euro finalizzate ad affrontare le eccedenze di deficit. I dettagli sul piano sono attesi entro la fine del mese.

"La revisione dimostra quanto sia difficile il lavoro del governo di mantenere fede alle promesse di risanamento fiscale, in uno scenario economico estremamente debole" commenta un analista. "Questi numeri non riusciranno a placare le voci che abbiamo sentito costantemente nelle ultime settimane di ristrutturazione del debito greco".

Le speculazioni su una ristrutturazione del debito hanno spinto stamane lo spread di rendimento sul decennale tra governativi greci e tedeschi ad un nuovo massimo storico.