Expo, Pd chiede chiarimenti a governo su Newco per acquisto aree

lunedì 18 aprile 2011 17:16
 

ROMA, 18 aprile (Reuters) - Enrico Letta ed i deputati lombardi del Pd chiedono al governo di riferire in Parlamento sui motivi che hanno portato gli organizzatorI dell'Expo 2015 di Milano a procedere alla costituzione di una Newco per l'acquisto delle aree dopo avere sostenuto per anni che le aree sarebbero state affidate in comodato d'uso.

E' quanto si legge in una nota.

"E' urgente che il governo venga a riferire in Parlamento sulle implicazioni che avrà la costituzione della newco per l'acquisto delle aree del sito Expo. Ci dica in modo dettagliato quali conseguenze avrà sul cronoprogramma dell'evento; spieghi che cosa verrà realizzato sull'area a conclusione dell'esposizione; e motivi il perché di questa inversione di rotta dopo oltre tre anni passati a litigare sulla soluzione del comodato d'uso", scrivono Letta e i deputati del Pd nella nota annunciando un'interrogazione urgente all'esecutivo.

"Dopo tre anni buttati via a inseguire ostinatamente la scelta del comodato d'uso è inaccettabile che la sindaca e commissario straordinario per l'Expo Moratti abbia ritenuto di poter liquidare la vicenda con un 'abbiamo voluto essere sicuri che questa fosse la migliore soluzione possibile'. L'impressione che se ne deduce è che non sia consapevole che la sua gestione inefficiente e confusa ha generato ritardi della macchina operativa non più recuperabili", aggiunge la nota.

Il Pd conclude che, "sebbene l'acquisto dell'area da parte di Comune e Regione costituisca un passo in più verso la tutela dell'interesse pubblico, poiché di per se stesso non ne è garanzia automatica, pretendiamo l'impegno che i terreni di Expo non saranno oggetto di una speculazione mascherata magari da belle parole. Il carattere ambientalmente sostenibile del post 2015 deve essere chiaro e garantito per iscritto sin da ora".