Usa, vendita asset e rialzo tassi in exit strategy Fed - Bullard

mercoledì 13 aprile 2011 09:36
 

ST LOUIS, 12 aprile (Reuters) - La Federeal Reserve non ha ancora deciso la modalità di inizio del processo di rimozione dello stimolo monetario e impiegherà ancora parecchi mesi prima di compiere le prime mosse.

Lo ha detto il presidente della Fed di St Louis James Bullard in un'intervista a Reuters Insider. La banca centrale sta considerando la possibilità di iniziare l'exit strategy con un rialzo dei tassi di interesse, dal livello attuale prossimo allo zero, o con la vendita di parte dei quasi 2.000 miliardi di bond accumulati, o con una combinazione delle due misure.

"Il dibattito su come uscire da questa fase super espansiva di politica monetaria sta di nuovo tornando al centro".

Bullard è membro senza diritto di voto del comitato di politica monetaria della Fed ma la sue parole vongono spesso interpretate come espressione di compromesso tra le varie posizioni.

Bullard ha spiegato che non tenterà di persuadere i propri colleghi ad interrompere anticipatamente il programma di acquisto bond della banca centrale, da 600 miliardi di dollari fino a giugno.

"Se le cose andranno bene come penso nel 2011, l'idea è che la prossima mossa dopo di ciò sarà una qualche forma di stretta, che potrebbe avvenire sia a livello di bilancio sia a livello dei tassi" ha affermato Bullard. "Entrambe le cose verranno condotte assieme ad un certo punto, la questione è solo se si vuole iniziare sia restringendo il bilancio della banca centrale sia alzando i tassi".

Il presidente della Fed di St Louis ha sottolineato la preferenza per una prima mossa consistente nella vendita di asset della banca centrale piuttosto che in una stretta.