Usa, secondo Fmi necessario affrettare processo riduzione debito

martedì 12 aprile 2011 17:02
 

WASHINGTON, 12 aprile (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale segnala l'urgenza per gli Stati Uniti di delineare misure credibili di riduzione del deficit.

Il Fmi tenta così di mettere pressione sulla Casa Bianca affinchè vengano dati più dettagli sul piano di taglio del debito nazionale, giunto ormai a livelli record.

Domani, infatti, il presidente Barak Obama presenterà una serie di proposte finalizzate alla riduzione del debito, in un momento di accese discussioni politiche su dove indirizzare i risparmi. I Repubblicani spingono per maggiori tagli alla spesa pubblica prima di concedere il loro appoggio ad un innalzamento del limite della capacità di indebitamento del paese.

Il Fmi sottolinea che, mentre la maggioranza delle economie avanzate sta adottando misure per il controllo dei livelli di deficit, Usa e Giappone stanno ritardando tali interventi per non interferire sulla ripresa.

Il fondo afferma che il Giappone dovrebbe delineare un piano di rientro di medio termine non appena diventi più chiaro l'ammontare dei costi legati alla ricostruzione post-terremoto.

"I paesi che nel 2011 ritarderanno gli aggiustamenti dovranno affrontare sfide significative per raggiungere i loro obiettivi di medio termine" si legge nel rapporto "Fiscal Monitor" del Fmi.