PUNTO 1 - Eurogruppo dice sì ad aiuti Portogallo, intorno 80 mld

venerdì 8 aprile 2011 14:17
 

(aggiunge dichiarazioni)

GODOLLO, Budapest, 8 aprile (Reuters) - I ministri delle Finanze della zona euro hanno accolto oggi positivamente la richiesta di un sostegno finanziario da parte del Portogallo. Lo ha annunciato Jean-Claude Juncker, presidente del Eurogruppo, aggiungendo, però, che Lisbona "ha bisogno di attuare un programma di consolidamento fiscale ambizioso".

In una conferenza stampa al termine dell'Eurogruppo informale, Juncker ha detto che il programma per il Portogallo può essere adottato entro metà maggio, prima delle elezioni per un nuovo governo che si terranno il 5 giugno, ma il commissario Ue Olli Rehn ha aggiunto che "è necessario un accordo di larghe intese in Portogallo sul programma di consolidamento".

Il piano di salvataggio avrà un ammontare intorno a 80 miliardi di euro, ha aggiunto Rehn, sottolineando, comunque, che si tratta di una stima assolutamente indicativa, dal momento che i negoziati con Lisbona sono appena iniziati.

"La lettera [del Portogallo] è arrivata ieri sera", ha precisato piccato il banchiere centrale europeo Jean-Claude Trichet, seduto al tavolo con Rehn, Juncker e Klaus Regling, responsabile del fondo di salvataggio Efsf, dopo i colloqui con i ministri della zona euro.

"I lavori sono appena iniziati", hanno sottolineato sia Trichet che Rehn, forse per rimarcare che la decisione delle autorità portoghesi è arrivata all'ultimo minuto.

Rehn ha detto che il programma per Lisbona dovrà prevedere una parte dedicata al settore finanziario.

"Il piano per il Portogallo avrà anche una parte dedicata ad assicurare la stabilità finanziaria", ha detto Rehn, senza specificare se eventuali fondi per le banche del paese saranno comprese nella cifra di 80 miliardi.   Continua...