23 marzo 2011 / 08:48 / 7 anni fa

PUNTO 1-Milano Ass., chiesta delega aumento capitale max 350 mln

(aggiunge dettagli da nota, andamento titoli, comunicato accordo UniCredit-Premafin)

MILANO, 23 marzo (Reuters) - Il Cda di Milano Assicurazioni ADMI.MI chiederà alla prossima assemblea l‘attribuzione di una delega per aumentare il capitale sociale fino a 350 milioni di euro entro il 31 dicembre, con diritto di opzione per gli azionisti.

Fondiaria-Sai FOSA.MI ha assunto l‘impegno a esercitare un numero di diritti tale da conservare una partecipazione, diretta o indiretta, di almeno il 55% post operazione con un investimento oggi stimabile in 150 milioni di euro, dice una nota. Oggi la quota di controllo del gruppo Ligresti sulla compagnia supera il 60%.

Credit Suisse CSGN.VX e UniCredit (CRDI.MI), in qualità di joint global coordinator e joint bookrunner hanno stipulato nuovi accordi di ‘preunderwriting’ aventi per oggetto l‘integrale sottoscrizione dell‘eventuale inoptato degli aumenti di capitale Fonsai, già annunciato da 450 milioni, e Milano.

L‘accordo si basa sul presupposto dell‘impegno assunto ieri da Premafin PRAI.MI e UniCredit a sottoscrivere, secondo determinate condizioni, l‘aumento Fonsai e dell‘impegno della compagnia fiorentina per la ricapitalizzazione della Milano.

Le delibere consentono al gruppo Fonsai un incremento del margine di solvibilità Solvency I di 30 punti percentuali e il mantenimento di ratios patrimoniali “di assoluta tranquillità” anche in prospettiva dei nuovi requisiti Solvency II.

In Borsa Milano Assicurazioni intorno alle 9,15 cede il 2,69% dopo il -8,65% di ieri sull‘aspettativa dell‘aumento di capitale. Fonsai cede lo 0,08%, Premafin sale del 2,36%. Lo stoxx europeo delle assicurazioni .SXIP cede lo 0,52%.

IERI ACCORDO UNICREDIT-PREMAFIN, BANCA AL 6,6% DI FONSAI

Ieri UniCredit e Premafin hanno siglato un accordo funzionale all‘esecuzione da parte di Fondiaria-Sai dell‘aumento di capitale già annunciato.

L‘obiettivo dell‘accordo - condizionato alla conferma entro fine giugno da parte di Consob dell‘assenza di obblighi di opa su Fonsai - è consentire a Premafin di procedere al rafforzamento patrimoniale della controllata assicurativa e a UniCredit di acquisire una “stabile partecipazione di minoranza qualificata” con la possibilità di beneficiare di una valorizzazione del proprio investimento nel medio-lungo periodo, spiegava una nota.

L‘intesa prevede, tra le altre cose, che in caso di delibera dell‘aumento di capitale Fonsai da 450 milioni, UniCredit sottoscriva una quota in modo da avere post aumento il 6,6% del capitale, acquistando i diritti di opzione necessari da Premafin.

L‘investimento complessivo di UniCredit sarà di 170 milioni di euro.

Premafin utilizzerà il corrispettivo per la cessione dei diritti di opzione per sottoscrivere l‘aumento Fonsai e mantenere una partecipazione post operazione di almeno il 35%, diretta e indiretta.

Premafin e UniCredit stipuleranno, inoltre, un patto parasociale di tre anni per garantire “il mantenimento dell‘influenza dominante” di Premafin e il conferimento a UniCredit di diritti e prerogative tipici del socio finanziario di minoranza.

In particolare UniCredit designerà tre membri per il Cda di Fonsai, di cui due entreranno nel comitato esecutivo e il terzo in ogni comitato in cui sia previsto un consigliere indipendente con funzioni di presidente.

L‘accordo prevede, infine, alcune modifiche al contratto di finanziamento sottoscritto da Premafin, UniCredit e alcune banche finanziatrici il 22 dicembre 2004 e rivisto il 22 dicembre 2010.

Gianluca Semeraro

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below