MONETARIO - Cosa succede oggi mercoledì 16 marzo

mercoledì 16 marzo 2011 07:46
 

* Sul fronte macroeconomico il focus è sui dati finali di febbraio sull'inflazione in Italia e nella zona euro. Per ciò che riguarda l'Istat, è attesa la conferma della rilevazione preliminare, del primo marzo scorso, che aveva mostrato prezzi al consumo in salita dello 0,3% su mese e del 2,4% su anno, l'aumento tendenziale più sostenuto dal novembre del 2008. Attesa una conferma anche per il dato armonizzato, rispettivamente allo 0,2% e al 2,1%.

Da seguire poi negli Usa, oltre ai dati immobiliari e ai prezzi alla produzione di febbraio, il saldo delle partite correnti relativo al quarto trimestre: le stime indicano un rosso in diminuzione a 110 miliardi di dollari dai 127,2 miliardi del precedente trimestre.

* Ieri sera la Fed ha deciso, al termine di due giorni di riunione del suo comitato di politica monetaria, di confermare il livello del tasso di riferimento e il totale degli acquisti di bond stabilito a novembre a 600 miliardi di dollari. Il tasso di riferimento sui prestiti interbancari a un giorno resta così tra zero e 0,25%. La Fed ha detto che manterrà i tassi a un livello eccezionalmente basso per un periodo prolungato.

* In un mercato ancora fortemente condizionato dal post-terremoto in Giappone, la BoJ ha pubblicato stamane il suo bollettino mensile: ieri fonti hanno indicato che l'istituto centrale non ha affatto terminato il suo processo di allentamento monetario e potrebbe agire già il prossimo mese se la crisi dovesse aggravarsi.

* Al di là dell'emergenza umanitaria e di quella nucleare, la difficoltà di valutare le conseguenze economiche del sisma, non solo sul Giappone, ha fortemente acutizzato nelle ultime sedute l'avversione al rischio sui mercati, sia quello azionario sia quello obbligazionario, favorendo in particolare la risalita dei Bund tedeschi.

  Continua...