Aste, Commerzbank giudica Btp 'troppo cheap' verso Bono

venerdì 11 marzo 2011 09:20
 

MILANO, 11 marzo (Reuters) - Per gli analisti di Commerzbank l'asta odierna sui Btp a 5 e 15 anni potrebbe segnare un'inversione di rotta nel trend che nelle ultime settimane ha portato i Bono spagnoli ad accorciare - eccessivamente a giudizio degli strategist - la distanza dai titoli italiani.

A dispetto della fuga dal rischio che in questi giorni indirizza gli acquisti verso i Bund tedeschi, gli analisti di Ing non prevedono problemi di sorta per il collocamento fino a 5 miliardi del Tesoro italiano.

"L'Italia è sempre andata sul mercato senza particolari preoccupazioni e non ci aspettiamo niente di diverso questa mattina", scrive Padhraic Garvey.

Tornando a Commerzbank, i Btp Novembre 2015 (in asta per 2-3 miliardi) e il Btp Marzo 2026 (in asta per 1-2 miliardi) sono giudicati "attraenti" verso le analoghe scadenze della curva spagnola che si avvicina ai livelli più costosi da inizio 2010 rispetto a quella italiana.

"Riteniamo che la recente salita dei prezzi sulla curva spagnola sia eccessiva e scommettiamo su un allargamento dello spread Bono-Btp nelle prossime settimane" dato che non ci sono stati cambiamenti di rilievo nelle situazione dei fondamentali dei due Paesi, dice la banca.

"Raccomandiamo uno switch dai Bono ai Btp in particolare sulle scadenze brevi. La riapertura odierna dei Btp potrebbe segnare un punto d'inversione per lo spread tra i due Paesi".