Bond euro, Bund in buon rialzo, periferia sotto pressione

venerdì 11 marzo 2011 08:59
 

 LONDRA, 10 marzo (Reuters) - Apertura sostenuta per i titoli
di riferimento del debito europeo dopo un violento terremoto in
Giappone mentre non si placano le tensioni sulla carta 'non
core' della zona euro.
 "Nessuno vorrà essere corto andando verso il weekend",
commenta un trader. "E la periferia resterà sotto pressione, non
è un bell'ambiente per gli asset rischiosi e la Banca centrale
europea non sembra intenzionata a intervenire".
 Non si prevedono problemi di sorta per l'asta italiana a
medio-lungo termine in calendario questa mattina anche se la
pressione che fa lievitare i rendimenti dei titoli spagnoli,
portoghesi, greci e irlandesi non accennerà, con ogni
probabilità, a diminuire.
 Per Padhraic Garvey di Ing "l'Italia è sempre andata sul
mercato senza particolari preoccupazioni e non ci aspettiamo
niente di diverso".
 Lo strategist di Commerzbank Marcel Bross raccomanda uno
switch dai Bono spagnoli ai Btp dato che la carta iberica è ai
livelli più costosi rispetto a quella italiana dall'inizio dello
scorso anno come esito di un movimento di 'outperformance'
partito a metà dicembre.
 Un vertice dei leader della zona euro a Bruxelles oggi non
dovrebbe condurre ad alcun progresso significativo sul
rafforzamento del fondo di salvataggio Efsf limitandosi ad
approvare una versione edulcorata del piano franco-tedesco per
la competitività.
 "Rispetto alle previsioni più ottimistiche sulla possibilità
che all'Efsf sia consentito di emettere e iniziare ad acquistare
titoli di Stato i vertici saranno quasi certamente una
delusione" commenta James Nixon di Societe Generale facendo
riferimento anche al vertice di fine mese al quale sono rinviate
le decisioni chiave sul rafforzamento del fondo Efsf.
 In mattinata il Portogallo dettaglierà delle misure di
bilancio prima del vertice Uem, dove gli altri partner della
moneta unica faranno probabilmente pressione su Lisbona perché
prenda atto della gravità della sua situazione. 
 Secondo una fonte governativa francese i leader Uem
parleranno delle misure che il Portogallo deve adottare per far
fronte a un costo del debito che i mercati hanno portato a
livelli insostenibili per il Tesoro lusitano nel lungo periodo.
 
============================ ORE 8,55 ==========================
FUTURES EURIBOR MAR.   FEIH1         98,825   (+0,005)     
FUTURES BUND MARZO     FGBLM1       122,44    (+0,41)
BUND 2 ANNI            DE2YT=RR      99,665   (+0,07)  1,658%
BUND 10 ANNI           DE10YT=RR     94,120   (+0,31)  3,207% 
BUND 30 ANNI           DE30YT=RR    119,700   (+0,87)  3,643%
================================================================