PUNTO 1 - Italia, rating e outlook stabili per Moody's e S&P

giovedì 10 marzo 2011 13:20
 

(aggiunge report Fitch Ratings)

MILANO, 10 marzo (Reuters) - Interpellate dopo i downgrade che hanno colpito Grecia e Spagna questa settimana, le agenzie Moody's e S&P ribadiscono che il rating italiano è stabile, come indicato dall'outlook.

In un rapporto della scorsa settimana, Fitch Ratings - che ha rating AA- con outlook stabile sull'Italia - ha previsto un riduzione del debito di Roma dal prossimo anno dopo un picco vicino al 120% del Pil nel 2011, grazie all'attesa discesa del deficit sotto il 3% del Pil nel 2012 e al 2,2% nel 2013.

Per Fitch le vicende giudiziarie del premier Silvio Berlusconi "di fatto hanno eliminato ogni prospettiva che il governo attuale avvii e porti a termine riforme strutturali in grado di rafforzare le prospettive di crescita". Per l'agenzia, però, grazie a una diffusa consapevolezza a livello politico dei ridottissimi margini di manovra in ambito fiscale, il rischio politico per i target di bilancio 2011 resta moderato anche nel caso di elezioni anticipate.

PER S&P NO NUOVI ELEMENTI RISPETTO A CONFERMA NOVEMBRE "Non ci sono nuovi elementi rispetto a quanto dichiarato lo scorso 2 novembre", spiega una portavoce di Standard & Poor's facendo riferimento alla data dell'ultima conferma del rating sovrano italiano (A+/A-1+) da parte dell'agenzia.

Analogo messaggio da parte di Moody's che sull'Italia ha rating Aa2 sul lungo termine con prospettive stabili.

Con la riduzione decisa oggi sul rating spagnolo dall'agenzia Moody's, l'Italia è allineata alla Spagna che prima era Aa1 per Moody's. L'outlook sul debito iberico è però negativo. Moody's ha tagliato lunedì il rating greco di tre 'notch' allontanandolo ulteriormente dalla soglia che separa i giudizi investment grade da quelli speculativi.

(Valentina Za, in redazione a Milano Marina Ciaramidaro)