Ue, Rehn a favore di tassi più bassi su prestiti Grecia, Irlanda

lunedì 7 marzo 2011 15:00
 

LUSSEMBURGO, 7 marzo (Reuters) - La questione più pressante per Grecia e Irlanda è quella della sostenibilità del debito e ci sono perciò buoni motivi per ridurre il tasso d'interesse sui prestiti elargiti nel salvataggi dei due Paesi. A dirlo è il commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn. "La questione oggi e domani è quella della sostenibilità e perciò ritengo che sia opportuno ridurre i tassi d'interesse pagati da Grecia e Irlanda", Rehn ha detto ai giornalisti al termine di un evento a Lussemburgo.

"In questo contesto è importante anche guardare alle scadenze del debito in modo da oltrepassare la gobba del 2014 e 2015, cosa che contribuisce alla sostenibilità del debito".

L'Irlanda ha definito punitivo il tasso del 5,8% che paga in media sugli aiuti forniti da Unione europea e Fondo monetario internazionale. Dublino si sta battendo per una riduzione ma Berlino è contraria.