Giappone, prossimo bilancio non fattore chiave per rating- Fitch

mercoledì 16 febbraio 2011 13:54
 

TOKYO, 16 febbraio (Reuters) - Fitch Ratings ha detto che il dibattito in Giappone sul bilancio del prossimo anno fiscale e sulla riforma del welfare non sono elementi chiave per il rating sovrano del Paese, ma il governo deve mettere a punto piani di riforma fiscale prima che i risparmi interni si riducano.

Il primo ministro Naoto Kan sta cercando di ottenere sostegno per la sua politica dai partiti di opposizione in un parlamento diviso. Ma se da una parte la disputa politica è una preoccupazione, dall'altra è troppo presto per dire che il processo politico sia del tutto guastato, ha detto Andrew Colquhoun, direttore di Fitcf per l'area Asia-Pacifico, a Reuters in un'intervista.

Fitch ha confermato il rating 'AA-' sul Giappone con un outlook stabile, sostenuto dalla capacità del paese di finanziare il suo debito a bassi rendimenti con alla base un grande risparmio interno.

Nel medio termine, il risparmio domestico potrebbe diminuire a causa dell'allungamneto della vita della popolazione, quindi il Giappone deve agire prima sulla portata del suo debito, secondo Fitch.

"Non sarebbe un segnale positivo per la qualità della politica di bilancio" ha detto Colquhoun rispondendo alla domanda circa la possibilità che il governo non sia in grado di superare il budget il prossimo anno fiscale.

"Detto questo, io non lo vedo come un un fattore determinante per il rating. Considerazioni più a medio termine sono piuttosto ciò che stiamo guardando".

Il mese scorso, Standard & Poor's ha tagliato il rating del Giappone di un notch a 'AA-', tre livelli sotto il grado superiore, dicendo a Tokyo mancava un piano coerente per affrontare la crescita del debito.

Il rating di S&P's dopo il downgrade corrisponde a un livello di un notch più basso di quello di Moody's Investors Service, ma è allo stesso livello di Fitch.