Federalismo, La Loggia: emendamenti per evitare no opposizioni

lunedì 31 gennaio 2011 18:18
 

ROMA, 31 gennaio (Reuters) - Il presidente della commissione bicamerale sul federalismo, Enrico La Loggia, sta lavorando alla stesura di alcuni emendamenti sul decreto che disciplina il fisco comunale "per andare incontro alle opposizioni", in vista del voto chiave di giovedì 3 febbraio dal quale la Lega Nord fa dipendere il destino della legislatura.

Il centro-destra non ha infatti la maggioranza assoluta in commissione necessaria per far approvare il parere sul decreto. Stando alle dichiarazioni pervenute finora da tutti i partiti, la giornata di giovedì dovrebbe concludersi con un pareggio: 15 voti a favore e 15 contrari.

"Sto preparando alcuni emendamenti per andare incontro alle opposizioni e non escludo di presentarli", ha detto La Loggia a margine di un convegno sul federalismo fiscale.

"Sono convinto che il federalismo municipale passerà e quindi non ci sarà il tanto raccontato pareggio", ha aggiunto.

Il parere della commissione non è vincolante ma in mancanza di un voto favorevole non è chiaro cosa possa succedere. Le opposizioni sono infatti convinte che il governo possa approvare definitivamente il decreto sul federalismo municipale ma solo nella versione originaria del 4 agosto, non l'ultima redatta dal governo, che ha accolto tra l'altro le numerose richieste dell'Anci, l'associazione dei comuni italiani.

La Loggia ha comunque chiesto un parere "insindacabile" ai presidenti delle Camere per sciogliere il nodo.