PUNTO 1-Lavoro,Cdm approva dlgs per anticipare pensione usuranti

venerdì 28 gennaio 2011 16:23
 

(aggiunge commenti dei sindacati da terzo paragrafo)

ROMA, 28 gennaio (Reuters) - Il Consiglio dei ministri ha approvato stamani uno schema di decreto legislativo che regola l'accesso al pensionamento anticipato per lavoratori con mansioni particolarmente faticose, in attuazione della delega conferita al governo dalla legge sul lavoro.

Lo rende noto un comunicato di Palazzo Chigi precisando che sono individuati come usuranti, fra gli altri, i lavori in gallerie, cave e miniere, in cassoni ad aria compressa, in spazi sottomarini, quelli eseguiti ad alte temperature, in spazi ristretti, per asportazione dell'amianto, nonché alcuni lavori notturni, quelli delle cosiddette "linee catena", le attività di conduzione di determinati veicoli di trasporto collettivo.

La Uil ritiene positiva l'approvazione del provvedimento ma sottoliene che sia necessario, nel corso dell'iter parlamentare, allargare la platea dei potenziali beneficiari favorendo l'inclusione anche di figure come infermieri che lavorano di notte e lavoratori dell'edilizia che svolgono mansioni particolarmente esposte e faticose.

I dipendenti pubblici della Cgil lamentano, oltre all'esclusione degli inferimieri, anche quella di "medici, polizia penitenziaria, vigili del fuoco e lavoratori dell'igiene ambientale" che effettuano turni notturni. "A tal riguardo riteniamo limitativa la soglia delle 78 notti annue per riconoscere i benefici", precisa la Fp-Cgil secondo cui "una soglia così alta, ci sembra francamente ingenerosa e non corrispondente alle necessità che hanno ispirato questo provvedimento".

La Cgil chiede infine al governo risorse adeguate per tutti coloro che svolgano mansioni usuranti, definendo "iniqua la possibilità della graduatoria in caso di scostamento tra la spesa e la copertura finanziaria".

Il testo, sul quale verranno sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, verrà trasmesso alla Conferenza Stato-Regioni ed alle Commissioni parlamentari, precisa la nota del governo.